02:43 10 Dicembre 2018
Cromosoma al microscopio

Il cromosoma Y sta scomparendo. La popolazione maschile è minacciata?

© Sputnik . Victor Chernov
Mondo
URL abbreviato
865

Di recente sono stati pubblicati vari articoli riguardanti le ricerche di un gruppo di studiosi cechi sulla graduale scomparsa del cromosoma sessuale Y.

Secondo alcuni esperti in futuro questo cromosoma scomparirà completamente. Delle conseguenze di una possibile scomparsa di questo cromosoma per la popolazione maschile Sputnik ha parlato con Vladimir Trifonov, dottore di ricerca in scienze biologiche e direttore del laboratorio di genomica comparata all'Istituto di biologia molecolare e cellulare della Sezione siberiana presso l'Accademia nazionale russa delle scienze.

Qual è la funzione del cromosoma Y?

In questo caso intendiamo il cromosoma Y dei mammiferi perché questo cromosoma è presente in molti animali. Una delle sue principali funzioni è la determinazione del sesso poiché dalla presenza di questo cromosoma dipende lo sviluppo di caratteri sessuali maschili. Inoltre, spesso il cromosoma Y è portatore di geni importanti per la spermatogenesi. In alcune altre specie, come nei Guppy, il cromosoma è portatore dei geni responsabili della colorazione vivace di questi pesci.

Cosa può contribuire alla scomparsa del cromosoma Y?

Il cromosoma Y sta inevitabilmente scomparendo poiché non si ricombina facilmente con il cromosoma X. Solitamente tutti gli altri cromosomi del nostro genoma scambiano proprie parti con i loro omologhi per interrompere la propria degradazione. La maggior parte dei cromosomi Y non si ricombina con il cromosoma X: questa è una particolarità della sua evoluzione. E non appena questo scambio, che avviene tramite meiosi, si interrompe, i cromosomi cominciano inevitabilmente a degenerare o a degradarsi. Quindi il modello evolutivo della ricombinazione è del tutto naturale. Non appena smettono di ricombinarsi, cominciano a degradarsi.

Alcuni esperimenti comparativi dei cromosomi Y nell'uomo e nello scimpanzé hanno dimostrato che la velocità di questa degradazione con il tempo sta rallentando: mentre all'inizio i cromosomi si degradavano piuttosto velocemente, ultimamente hanno rallentato e non prevediamo una degradazione totale del cromosoma Y per le prossime centinaia di milioni di anni.

Cosa significherebbe la totale scomparsa del cromosoma Y per la popolazione maschile?

Il processo di perdita dei cromosomi Y si è già verificato in alcuni mammiferi e proprio questi possono fungere da modello per ipotizzare la nostra futura evoluzione. Le specie Tokudaia esimensis o Ellobius hanno perso il cromosoma Y in maniera indipendente l'una dall'altra. Questo non ha avuto nessuna conseguenza negativa. Un altro cromosoma del genoma si è assunto le funzioni del cromosoma Y e i geni responsabili della spermatogenesi si sono trasferiti in un'altra porzione di genoma. Dunque, si tratta di un processo del tutto naturale dell'evoluzione del genoma che ha semplicemente subito un rallentamento nei mammiferi. Tuttavia, questo processo è più veloce in diverse specie di pesci. Talvolta osserviamo che all'interno di una specie diverse popolazioni possiedono diversi cromosomi sessuali. Ciò significa che in quei casi l'evoluzione sta agendo molto velocemente, ma a nessuno scatta un segnale d'allarme e dice "oh, cosa succederà se a un certo punto scomparirà un cromosoma sessuale?!". Semplicemente questo viene trasferito in un'altra porzione di genoma.

Poiché noi mammiferi abbiamo sistemi così stabili, la degradazione di uno dei cromosomi appare come un evento terribile. Ma non c'è bisogno di preoccuparsi: si tratta di processi naturali che si verificano da miliardi di anni e che non hanno mai portato a conseguenze negative.

Dunque, l'umanità non dovrà tentare di evitare l'estinzione in qualche modo?

No, chiaramente no. Quando questo processo si verificherà, non è detto che l'umanità sarà ancora viva per testimoniarlo.  

Tags:
biologia, cromosoma
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik