13:43 16 Dicembre 2018
Serbo del Kosovo con la bandiera serba

La Merkel vuole il Kosovo modellato come la DDR

© AP Photo / Darko Vojinovic
Mondo
URL abbreviato
0 19

Un esperto serbo spiega perché, nonostante il calo del peso politico di Angela Merkel all'interno della stessa Germania, la sua opinione sulla situazione nei Balcani per la questione del Kosovo, rimane determinante per l'Unione Europea.

E quali ragioni economiche ha Belgrado se la Germania entrerà in conflitto con gli USA a causa della sua visione del destino dell'auto-proclamata Repubblica del Kosovo.

"L'integrità territoriale degli stati dei Balcani occidentali è inviolabile", ha detto Angela Merkel a Berlino in un incontro con il presidente del Consiglio dei ministri della Bosnia-Erzegovina Denis Zvizdic. "Dobbiamo ripetere ancora e ancora, dei tentativi di parlare dei confini costantemente ripresi", ha detto la cancelliere.

L'edizione americana di Politico informa che la dichiarazione della Merkel è diretta alla cessazione della discussione di una possibile divisione del Kosovo. Ricordiamo che recentemente i leader della Serbia e del Kosovo Aleksandar Vucic e Hashim Thaci si sono espressi circa la possibilità di "aggiustamento" dei confini tra la Serbia e l'auto-proclamata repubblica, Pristina implica che nella revisione dei confini ci siano territori meridionali della comunità della Serbia, con una significativa componente albanese: Presevo, Bujanovac e Medvedja, mentre Belgrado ha in mente il ritorno al confine con la Serbia del nord del Kosovo, dove la maggior parte della popolazione è di etnia serba.

Il presidente della Repubblica Serba Milorad Dodik, a sua volta, ha ripetutamente affermato che in caso di riconoscimento della non riconosciuta Repubblica del Kosovo da parte delle Nazioni Unite, richiederà anche l'indipendenza dalla Bosnia-Erzegovina.

L'inviato speciale serbo della tv di stato RTS in Germania Nenad Radicevic spiega a Sputnik, che, nonostante l'atteggiamento fiducioso della Merkel sulla scena politica dopo le ultime elezioni, il suo impatto sulla politica dell'UE è ancora decisivo. "Il fatto che la Merkel ha incontrato difficoltà con la formazione del suo governo attuale, non è una cosa così forte da dare scosse alla sua posizione all'interno dell'UE", ha detto.

"L'Ue non ha giocatori più forti della Germania. La grande domanda, in Europa in generale, potrebbe essere l'idea di una revisione dei confini nei Balcani. Forse l'effetto Merkel si è indebolito per alcuni altri problemi, ma in particolare su questo tema a Bruxelles nessuno dice nulla, sarebbe in contrasto con le sue parole. Mi sembra che la sua posizione ha un grande peso e riflette l'opinione comune dell'Unione Europea", ha detto.

Il destino del Kosovo non si risolverà per "una forza regionale"; i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'ONU — USA, Russia e Cina-, l'esperto ricorda, nel mese di giugno la Germania per la prima volta è diventata un membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, spiega che se la Germania è "una forza regionale" questo determina la forza regionale nei Balcani Occidentali.

"La Germania non ha un grande impatto nel sud-est asiatico, ma in Europa il suo effetto è grande, è necessario riconoscerlo. E quando si tratta di confini della Serbia e Kosovo, la questione ha un impatto enorme, e si basa sul potere economico e il fatto che la Germania è la principale fonte di investimenti nell'economia serba, di per sé dà delle dritte su Belgrado", dice l'interlocutore a Sputnik.

Sulle possibili conseguenze economiche per la Serbia nel caso in cui Belgrado insista sulla "regolazione dei confini" in Kosovo, l'esperto commenta come segue:

"Tutto dipende dalla Serbia. Se Belgrado saprà resistere alla realizzazione di alcuni degli accordi raggiunti direttamente con la Germania, o rifiutare di eseguire qualcosa che era stato promesso nel corso di colloqui con i politici tedeschi, si può arrivare a ridurre il sostegno della Serbia. Forse, l'uscita dei tedeschi dagli asset non accadrà, ma la cessazione di nuovi investimenti è possibile".

Secondo l'esperto, Vucic, ovviamente, ha condiviso i suoi pensieri su un eventuale delimitazione con il Kosovo, durante la sua ultima telefonata con la Merkel, tenutasi circa un mese fa e a quanto pare, non sono arrivati ad un accordo su questo tema.

L'esperto ricorda il modello delle "due Germanie": la Germania orientale non era direttamente riconosciuta ma si era accettato il suo inserimento nella composizione delle Nazioni Unite, non ha fermato il suo funzionamento nelle organizzazioni internazionali.

Kosovo
© Sputnik . Natalya Grebenyuk

"La stessa "soluzione creativa" la Germania si aspetta dalla Serbia. Berlino vuole che Belgrado non resista all'adesione del Kosovo in tutte le organizzazioni internazionali, comprese le Nazioni Unite. Forse, una tale posizione non chiaramente la esprime pubblicamente, ma è abbastanza chiaro in tutti gli incontri con i rappresentanti dei paesi balcanici", spiega il portavoce di Sputnik.

Alla domanda riguardo la Germania, se acconsentirà con qualsiasi contratto, che è possibile raggiungere tra Belgrado e Pristina, e se riceverà l'approvazione da parte degli USA, l'esperto risponde che non può essere sicuro. Si ricorda la reazione di Berlino alle decisioni di Washington sull'uscita dall'accordo nucleare con l'Iran e l'introduzione di sanzioni contro questo paese, l'Unione Europea ha aderito totalmente senza entusiasmo.

"Non sono sicuro che l'Europa si esibirà nel ruolo di "servitori d'America", come spesso è sprezzante chiamata. Non posso dire che se gli USA decidono che lo sia, anche l'Europa certamente sarà d'accordo su questo. Non sono sicuro, inoltre, che la Russia approvi la revisione dei confini della Serbia e del Kosovo", conclude l'esperto.

Correlati:

Esperto: la liberalizzazione dei visti è pericolosa per il Kosovo
Guardian: presidente della Serbia possibilista su indipendenza del Kosovo
C'è somiglianza tra gli ultimi eventi in Italia e Kosovo?
Tags:
riconoscimento, Angela Merkel, Kosovo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik