03:37 22 Settembre 2018
Militari britannici

Fine accordo con l'Iran: Gran Bretagna non deve piegarsi agli USA

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
3100

Nel mese di maggio Donald Trump ha varato l'uscita dall'accordo sul nucleare iraniano, la settimana scorsa gli Stati Uniti hanno cominciato a ripristinare le sanzioni economiche contro l'Iran, rimesse in cambio di concessioni sul programma nucleare del paese.

L'ambasciatore USA nel Regno Unito Robert Wood Johnson ha invitato il Regno Unito ad unirsi al presidente americano Donald Trump ed inasprire la propria politica nei confronti dell'Iran. Sputnik ha intervistato su questo tema l'esperto del mercato del petrolio e consulente della Banca Mondiale, Mamdouh Salameh.

Bandiere degli Usa e dell'Iran
© AP Photo / Carlos Barria
Sputnik: Il Regno Unito seguirà l'esempio americano e uscirà dell'accordo sul nucleare iraniano?

Mamdouh Salameh: Non penso. Finchè il Regno Unito, sotto il falso pretesto di un "rapporto privilegiato" continuerà a ingraziarsi gli Stati Uniti, un cambiamento di posizione sull'accordo relativo al nucleare iraniano non solo danneggia il Regno Unito nel mondo, ma anche ostacola notevolmente la conclusione di un negoziato vantaggiosto con l'Unione Europea sulla Brexit. Inoltre, questo passaggio può causare malcontento nell'opinione pubblica. Non solo, se il Regno Unito uscirà dall'accordo sul nucleare iraniano, si unirà agli altri due paesi che sono contro: l'Arabia Saudita e Israele.

Sputnik: Se la Gran Bretagna seguisse l'esempio USA, questo passo come potrebbe pregiudicare l'accordo nucleare?

Mamdouh Salameh: Se il Regno Unito uscisse dal contratto, questo influirebbe sul rapporto con gli altri stati. Si deve ricordare che la stragrande maggioranza dei paesi agiscono a sostegno di questo accordo, perché l'unica alternativa è la guerra, provocata da Israele, tra gli USA e l'Iran. Inoltre, il deterioramento dei rapporti del Regno Unito con altri paesi sicuramente influenzerà le relazioni commerciali dello stato con il resto del mondo.

Sputnik: Un'eventuale uscita del Regno Unito dall'accordo nucleare come pregiudicherebbe le relazioni dello stato con il resto del mondo?

Mamdouh Salameh: Grazie alla sua politica il Regno Unito è rispettato in tutto il mondo. Tuttavia, sappiamo, che da qualche tempo la Gran Bretagna corteggia gli USA con il falso pretesto di un rapporto speciale tra i due paesi. Nel caso di invito o richiesta degli USA di unirsi a loro e uscire dell'accordo sul nucleare iraniano, il Regno Unito è pronto a far valere i propri diritti e interessi. Questo passaggio farà male ai rapporti dello stato con gli altri paesi, e complicherà notevolmente il raggiungimento di un accordo per la Brexit con l'Unione Europea. Inoltre, un simile passo umilia la Gran Bretagna agli occhi del resto del mondo. Altri stati diranno: "si tratta di energia nucleare, di un membro del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ma si sottomette agli USA come fosse un piccolo stato".

 

 

Correlati:

Dopo le visite alla NATO e alla Gran Bretagna Trump proiettato verso Helsinki
Grecia chiede di nuovo alla Gran Bretagna la restituzione dei marmi del Partenone
La Gran Bretagna se necessario è pronta a combattere da sola
Tags:
Accordo, Accordo nucleare, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik