21:31 21 Ottobre 2018
Bandiera dell'Iran

USA restituiranno all'Iran un'oggetto d'arte di 2500 anni fa

CC BY 2.0 / Blondinrikard Fröberg / Iranian flag
Mondo
URL abbreviato
250

Un giudice statunitense ha stabilito che il bassorilievo di epoca achemenide (550-330 a.C.) deve essere restituito all'Iran, dove è stato portato via illegalmente circa 80 anni fa.

Questo manufatto raffigurante antichi soldati persiani è stato sequestrato nell'ottobre 2017 al Park Avenue Armory di New York, dove era stato messo in vendita in una fiera d'arte. Gli investigatori hanno dichiarato che il reperto vale 1,2 milioni di dollari. Era stato rubato e portato via dall'Iran nel 1936 e successivamente alla fine del 2011 era stato sottratto dal Montreal Museum of Fine Arts.

Quali sono le possibilità di restituzione del manufatto sullo sfondo del rafforzamento delle sanzioni americane contro Teheran? Ne ha discusso in un'intervista con Sputnik Ibrahim Shaghaghi, vice direttore del dipartimento per le questioni legali del patrimonio culturale, dell'artigianato e del turismo dell'Iran, così come con l'avvocato internazionale presso l'Università di Teheran Maryam Jalalvand.

Secondo Shaghaghi, l'Iran ha tutte le carte in regola per ricevere il bassorilievo rubato:

"C'è il 100% di probabilità di restituzione. È stato fatto il lavoro corrispondente così come i preparativi necessari per il rimpatrio di quest'opera d'arte. C'era stata una corrispondenza con l'Università di Chicago. L'istituzione ha espresso un parere positivo. Inoltre abbiamo ricevuto le autorizzazioni necessarie."

Rispondendo alla domanda se il manufatto potrebbe essere confiscato come proprietà dell'Iran, Shaghaghi ha risposto: "No, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso la sentenza definitiva in merito. Un'opera d'arte non può essere confiscata."

Maryam Jalalvand sostiene che l'eventuale confisca dell'opera d'arte è contraria alle convenzioni internazionali e contraddice le norme giuridiche nazionali statunitensi:

"Gli oggetti del patrimonio storico e culturale costituiscono la base culturale di una nazione. La storia di tutta la nostra nazione è legata a questa opera. Oggetti d'arte del genere non nascondono obiettivi economici o commerciali per alcun Paese. Gli Stati Uniti hanno sempre cercato di confiscare la proprietà dell'Iran sotto qualsiasi pretesto. Relativamente alla possibilità di confiscare questa opera in qualità di bene pubblico iraniano, la mia risposta è no, è impossibile.

Da un punto di vista legale, il governo degli Stati Uniti non ha il diritto di farlo. In primo luogo questo bassorilievo non appartiene né al popolo iraniano né al governo americano, non si può accusare l'Iran di usare il bassorilievo a suo beneficio. In generale si tratta di una violazione delle convenzioni internazionali e del diritto nazionale americano. La confisca di beni culturali e storici è illegale. In secondo luogo, questo bassorilievo è stato rubato. Uno Stato non può concedere arbitrariamente il permesso di confiscare un prodotto rubato", conclude Jalalvand.

Tags:
Arte, Sanzioni, Storia, Giustizia, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik