04:18 21 Ottobre 2018
Virus

Giornalista: gli USA sperimentano l'arma biologica nel Baltico

CC0
Mondo
URL abbreviato
4314

Il focolaio di peste suina africana (ASF) in Europa Orientale si somma al quadro generale del sistema, un quadro in cui gli USA stanno sperimentando un'arma biologica per una terza guerra mondiale.

Lo scrive l'editorialista di Sputnik Lettonia Aleksandr Krolenko. A suo parere, un ruolo particolare in questo sistema USA lo assegnano i Paesi Baltici, che agiscono nel ruolo del banco di prova.

Per confermare la sua dichiarazione il giornalista cita una serie di fatti. In particolare, nel mese di giugno la peste suina africana è stata riscontrata in 165 maiali in Lettonia, successivamente sono stati abbattuti migliaia di animali, che hanno portato enormi perdite degli agricoltori. Inoltre, in Lituania gli agricoltori non potranno abbandonare completamente la produzione di suini, perché il paese ha avuto 41 epidemie.

Secondo lui, i focolai della malattia sono molto paradossali, perché i virus non appaiono alle condizioni delle latitudini settentrionali, e questa malattia non potrebbe esistere semplicemente per un breve periodo, ma può farlo solo se creata in condizioni di laboratorio.

L'epidemia quasi contemporaneamente, si è verificata in molti stati di Georgia, Ucraina, Moldavia, Polonia, Paesi Baltici. Il giornalista sottolinea questo paradosso con l'arrivo di una vasta rete di laboratori biologici del Pentagono in questi paesi dell'Europa Orientale. A suo avviso, gli USA stanno sviluppando e studiando l'impatto di nuovi tipi di virus su persone diverse in diverse regioni, direttamente o indirettamente, attraverso l'epidemia per minare la sicurezza alimentare.

Le autorità di questi paesi non possono neanche immaginare i risultati finali biologici e di sviluppo del Pentagono. La ricerca fa parte di pericolosi progetti collocati in diversi laboratori e paesi, e il rapporto completo è formato nel centro di ricerca biologica del Pentagono, scrive il giornalista.

Inoltre, aggiunge l'editorialista, in CSI e Paesi Baltici, i sistemi nazionali di sorveglianza epidemiologica sono tradotti in norme americane. Incorporati nei laboratori elettronici, i sistemi di acquisizione, elaborazione, archiviazione e trasmissione di informazioni di ogni caso di malattia li elaborano in rapporti per gli USA.

Il giornalista ritiene, inoltre, che con il tempo, la frequenza e il pericolo di incidenti biologici aumenterà, perché le biotecnologie consentono di ridurre il costo del processo di mantenimento dello spazio di vita, per semplificare la lotta per le risorse naturali del pianeta, questo porterà anche un enorme profitto per il creatore di virus.

Correlati:

Virus NotPetya: possibile traccia ucraina
Morbo di Alzheimer può svilupparsi dal virus dell'herpes
Lavrov: paesi NATO e UE infettati dal virus della russofobia
Tags:
virus, Lettonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik