11:38 23 Ottobre 2018
La Torre Eiffel spenta in commemorazione delle vittime dell'attentato a San Pietroburgo

Francia: estate micidiale

© Sputnik . Ирина Калашникова
Mondo
URL abbreviato
150

Accoltellamento, stupro e lotta mortale. Questa estate il numero di attacchi estremamente violenti in Francia è aumentato drammaticamente, e negli ultimi giorni si verificano quasi ogni giorno.

La situazione non è uno scherzo e comincia a disturbare la polizia. La società francese è sempre più violenta? Sputnik ha parlato con tre rappresentanti di uno dei due maggiori sindacati della polizia di Francia.

Olivier Hourcau, il segretario nazionale del sindacato di polizia Alliance, ha detto: "se si guardano le statistiche, solo nel mese di luglio e l'inizio di agosto, vedremo che la crescita della violenza è evidente. Si sono presentati incidenti di estrema crudeltà. Tuttavia penso che questa crescita di violenza si inserisca in un contesto più ampio. La Francia diventa sempre più feroce".

Secondo le statistiche, il numero di attacchi con l'inflizione intenzionale di lesioni personali è in aumento per il quarto anno consecutivo (+4% nel 2017). Il numero di persone colpite quest'anno si avvicina alle 223mila, il che indica "più crescita, rispetto allo scorso anno". Da parte sua, il segretario generale del sindacato di polizia del dipartimento del Nord, Noel Bruno, sottolinea che "l'ondata di attacchi, avvenuti in Francia, è più grande, rispetto agli anni passati. Nel momento sbagliato guardi una persona, sembri sfidarla e finisci per essere coinvolto in una rissa, che può portare alla morte. Oggi in Francia si può morire, perché qualcuno ha guardato qualcuno di traverso".

La stessa opinione è condivisa dal vice segretario nazionale del sindacato Loïc Lecouplier: "una rissa può iniziare per nulla, qualcuno pensa che qualcuno l'ha spinto. Molto rapidamente prende una piega seria. Qualcuno tira fuori un coltello o tira fuori dalla sua macchina, o una bottiglia rotta, qualsiasi oggetto è molto facile trasformarlo in un'arma. Prima c'erano i pugni. La violenza è diventata incontrollabile, dura".

 La violenza criminale connessa con l'ambiente, è sempre esistita, ma ora la maggior parte degli incidenti si verifica in uno spazio vuoto, alcuni portano alla morte. Secondo un rapporto pubblicato il 24 gennaio di quest'anno dal Ministero dell'interno di Francia, il tasso di mortalità è a causa di omicidi di "livello relativamente elevato" nel 2017. Nel territorio della parte europea della Francia sono stati commessi 825 omicidi, meno nel 2016 (892 persone), tuttavia, se si sottraggono gli attacchi terroristici, si scopre che il numero di omicidi nel 2017 è nuovamente aumentato (+2%). Per quanto riguarda la violenza sessuale, "in media ogni anno dal 2012 al 2016 0,4% persone dai 18 ai 75 anni (circa 158 mila persone) dichiarano che sono stati vittime di abusi sessuali da parte di una o più persone che non vivono insieme a loro", ha detto in un rapporto. Si osserva che "nel periodo precedente, dal 2007 al 2011, il rapporto non è significativamente diverso".

Il numero di furti con l'uso di armi è in calo (-3%), ma non è così significativo, rispetto agli anni precedenti: —12% nel 2016 e —14% nel 2015. L'abuso di alcol e sostanze stupefacenti gioca un ruolo importante nella crescita della violenza. "L'alcol e le droghe, questo è il vero problema. Molti attacchi sono legati al loro uso", spiega.

Bruno Noel dice che "la gente beve più alcol, è diventato così comune che quasi non si parla. È diventata la norma nel fine settimana andare da qualche parte a divertirsi con le bottiglie. Naturalmente, data la mancanza di controllo e la perdita della proprietà di sé che ne deriva, si verificano i tragici incidenti. Alcuni giovani in bande vanno alla ricerca di qualcuno con cui fare a botte. Un uomo, donna, o una coppia passa per la strada, e molto rapidamente accadono cose terribili". E davvero, non è facile definire il tipico profilo della vittima. Sembra che chiunque può potenzialmente diventare un bersaglio. Il 20 luglio nel quartiere di Chatelet, Parigi, nel corso di poche c'era una di queste bande.

"Per fortuna, quello che è successo nel quartiere di Chatelet, non capita tutti i giorni. Ma questo può accadere. È un dato di fatto. È sufficiente affrontare una banda di teppisti, che hanno deciso di fare irruzione. I criminali attirano i turisti. Inoltre, a causa di un afflusso di migranti oggi il crimine è aumentato: ci sono furti, rapine con violenza, furto con scasso. Tutto ciò è aggravato. Ma dire che Parigi è un posto pericoloso è, a mio parere, troppo". Ma, come il suo collega, chiede di essere attenti:

"In provincia osserviamo lo stesso fenomeno: bande criminali che attaccano, in particolare, turisti. Così, nelle località del sud-ovest del paese si organizzano in rete, aggrediscono e rapinano turisti e locali. Non è una caratteristica distintiva della provincia o di Parigi, è tipico per la Francia in generale".

Bruno Noel va ancora oltre. Alla domanda se una giovane coppia debba temere di uscire di notte in Francia, risponde affermativamente. "Chiedo ai miei figli di non farlo. E ' triste, ma non posso farci niente" dice. Più sconvolgente è che i testimoni non reagiscono a ciò che sta accadendo. "Questo accade a causa dell'indifferenza della gente. Ognuno pensa solo a se stesso, e testimoni di un attacco spesso mostrano sconvolgente indifferenza. I passanti vedono ciò che succede, e non fanno nulla. In questo caso, sono colpevoli di rifiuto di aiuto a una persona in pericolo", ha detto. Negli ultimi anni ci sono stati attacchi, in particolare sui mezzi pubblici, ma  nessuno dei testimoni oculari ha reagito a ciò che sta accadendo.

Come evitare di diventare vittima di una tragedia simile?

"C'è bisogno di uscire con gli amici, non c'è bisogno di camminare da solo, ma a piccoli gruppi. È necessario scegliere luoghi che sono considerati sicuri. E, soprattutto, se in pericolo, e nelle vicinanze c'è la polizia, è meglio cercare di evitare i litigi". Bruno Noel dice che "il problema è che questo può succedere ovunque. Per esempio, quello che è successo nel quartiere di Chatelet, si scopre che è possibile anche fare una passeggiata nel centro di Parigi, senza paura di un attacco… È molto preoccupante".

L'assegnazione di ulteriori fondi (che era già diventata un obbligo da parte della polizia), al fine di migliorare la situazione, è necessaria, prima di tutto, ma anche di pene più severe per i trasgressori, dicono a una voce, tutti e tre poliziotti. "La giustizia deve inasprire le pene in caso di attacco, le carceri sono piene, ma è necessario, i criminali hanno paura di una punizione. Se pensano che "non sono particolarmente a rischio", la situazione potrà solo peggiorare", sottolinea Bruno Noel.

Olivier ritiene che la polizia dovrebbe concentrarsi sul fare le cose principali: "I poliziotti sono impegnati in altre faccende, invece, di combattere il crimine. Un poliziotto di guardia all'edificio? È normale, che sta tutto il giorno seduto davanti allo schermo della macchina fotografica del cctv? Ma la cosa più importante è una dura reazione da parte della giustizia".

Secondo il Ministero dell'interno è stato pubblicato un rapporto secondo cui "l'11% delle persone dai 14 anni e più hanno dichiarato che nel loro quartiere o villaggio sono spesso o qualche volta non al sicuro". Nel periodo dal 2007 al 2017 questa cifra non è cambiata, ha oscillato tra il 19 e il 21%. A questo proposito, c'è una domanda: se gioire del fatto che questa cifra non è notevolmente aumentata, o preoccuparsi che sia così alta?

Bruno Noel è piuttosto pessimista sulla situazione per quanto riguarda la sicurezza:

"A un certo punto ci è sembrato che la situazione stesse migliorando, ma questa estate si è verificato l'aumento immotivato di violenza, che può toccare chiunque e in qualsiasi momento. Siamo molto preoccupati".

Correlati:

La Francia chiude l'ufficio per il commercio e gli investimenti in Russia
Concorso Sputnik Mondiale, chi andrà in finale tra Francia e Belgio?
L'aborto in Argentina: "non è il maggio 1968 in Francia, è giugno 2018 da noi”
Tags:
Violenza, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik