00:06 16 Agosto 2018
Il presidente della Moldavia Igor Dodon

Dodon ha detto no agli americani

© Sputnik . Alexei Druzhinin
Mondo
URL abbreviato
4402

Igor Dodon, presidente della Moldavia, ha categoricamente rifiutato di far costruire nel territorio dell'ex stadio repubblicano, situato a Chisinau, l'edificio dell'ambasciata USA.

Ha firmato la rinuncia ufficiale della promulgazione della legge sul trasferimento per la costruzione  di un nuovo edificio e ha sottolineato che quel posto è il luogo ideale per rilassarsi.

"Qui, è possibile creare un parco o costruire un centro culturale, di cui potranno godere di tutti gli abitanti della repubblica" ritiene il leader.

Lo stadio è stato costruito a Chisinau nel 1952. Nel 2007 è stato demolito, poiché non soddisfaceva i criteri necessari per lo svolgimento delle partite. Nel mese di dicembre 2017 i rappresentanti USA hanno detto che prevedevano di acquistare terreni dello stadio.

Dopo Washington e Chisinau hanno firmato un memorandum. Nel mese di luglio 2018 il parlamento della Moldavia, ha approvato il trasferimento di terreni per i diplomatici,  il Governo si era impegnato a fornire il sito di 5,1814 ettari, negoziare e firmare un contratto di vendita.

Correlati:

Moldavia, presidente Dodon promette: nessuna base NATO nel Paese
Dodon: alta probabilità chiusura ufficio Nato a Chisinau
Dodon: l'economia moldava è aperta agli investitori russi
Tags:
stadio, Igor Dodon, Moldavia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik