00:23 23 Ottobre 2018
Tourists reflected in a EU logo

EU: imprese europee libere di decidere di operare in Iran o no

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Mondo
URL abbreviato
470

Le aziende dell'Unione Europea sono libere di scegliere di lavorare o no in Iran dopo le sanzioni USA, l'introduzione del blocco dello statuto dell'UE, non riconosce l'impatto di tali sanzioni per i residenti e le imprese dell'UE, ha detto il portavoce della Commissione europea, Mina Andreeva.

"In conformità con il blocco statuto dell'UE, gli operatori dell'UE sono liberi di condurre affari in conformità con la legislazione comunitaria e la legislazione nazionale applicabile. Ciò significa che essi sono liberi di scegliere se iniziare a lavorare, continuare o smettere di fare affari in Iran, se entrare in un settore economico in base alle loro valutazioni della situazione economica. L'obiettivo di blocco dello statuto dell'UE è garantire che tali decisioni di business rimangano libere", non dipendenti dalle sanzioni USA, ha detto in un briefing.

Sulla base delle sue parole, lo statuto bloccante ha bisogno di minimizzare l'effetto delle sanzioni USA. In questo modo, l'UE non imporrà sanzioni per le società per cessazione di attività in Iran. "Noi non imponiamo sanzioni sulla disponibilità di soluzioni di business", ha detto Andreeva.

L'Unione Europea ha imposto il 7 agosto l'azione. L'aggiornamento dello statuto in parte sostiene l'Unione Europea e l'attuazione dell'accordo nucleare con l'Iran, anche le relazioni economiche e commerciali con il paese. Lo statuto nega ai residenti e alle imprese dell'UE le sanzioni extraterritoriali USA. Tuttavia, la Commissione Europea, in alcuni casi è in grado di dare il permesso per farlo, testimonia il materiale. I paesi dell'UE possono introdurre sanzioni nei confronti delle aziende e dei residenti dell'UE per il mancato rispetto delle regole dello statuto. Queste regole sono prevalenti sul territorio dell'UE, derivano da tali sanzioni USA per sentenze dei tribunali stranieri.

Lo statuto consentirà ai residenti e alle imprese dell'UE di chiedere attraverso i tribunali dei paesi dell'Unione Europea il risarcimento del danno da tali sanzioni verso individui e aziende che colpiscono. Il risarcimento dei danni, come scrive la Commissione europea, potrebbe risiedere nell'inventario e vendita di beni di chi ha inflitto il danno, dei suoi rappresentanti e mediatori.

Correlati:

Militari EU aiuteranno a bloccare migrazione clandestina dall'Africa
L'Ucraina in otto mesi ha aumentato del 96% le importazioni di gas dall'EU
Le Pen non vuole essere presidente se la Francia rimarrà nell'EU
Tags:
Sanzioni, Unione Europea, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik