20:44 20 Agosto 2018
L'incontro Putin-Trump ad Helsinki

Rappresentante ONU: alle trattative Putin-Trump interessato il mondo intero

© REUTERS / Leonhard Foeger
Mondo
URL abbreviato
202

Anche se Donald Trump e Vladimir Putin sono leader completamente diversi e governano stati, che tra loro sono molto diversi, hanno bisogno di condurre una stretta collaborazione su una serie di questioni nell'interesse di tutto il mondo, scrive nel suo articolo di Newsweek, l'esperto di sicurezza globale Jonathan Granoff.

Ad esempio, fare una discussione sul contratto START-III e altre iniziative per liberare il mondo dalle armi nucleari sono motivi per non invitare il presidente russo Vladimir Putin alla Casa Bianca, ma con alcune domande Trump e Putin si siano incontrati, scrive su Newsweek una figura di spicco delle Nazioni Unite, il candidato al premio Nobel per la pace nel 2014 e presidente dell'Istituto per la sicurezza globale Jonathan Granoff. Perché Putin e Trump possono e devono collaborare, per non permettere che la nostra generazione sia l'ultima sulla terra, dice un diplomatico.

Così, sopra il mondo pende la spada di Damocle, 14 mila unità di armi nucleari, che possono essere usate a caso, intenzionalmente o per stupidità.

Durante l'incontro a Helsinki Putin e Trump hanno toccato questo argomento, ma nessun passo concreto è stato fatto. Non hanno parlato delle risorse naturali, che si trovano sotto la minaccia e richiedono sforzi internazionali per la loro salvezza.

"USA e Russia dovrebbero condurre una stretta collaborazione su queste e altre questioni, nonostante le profonde differenze dei nostri sistemi" scrive l'esperto.

Secondo lui, Putin ha la possibilità di dare alla Russia un metodo per uscire dall'economia, che si basa sull'estrazione di risorse. E anche se manca la comprensione, perché la democrazia è meglio della dittatura, e i diritti umani non possono essere infranti, questo non significa che non ha bisogno di lavorare insieme con Trump, per sradicare minacce per il mondo.

Trump, a sua volta, ha ereditato un paese, predisposto sulla base dello stato di diritto, basato sulla libertà, che, secondo l'autore dell'articolo, tutto il mondo invidia. E quando i valori americani vengono ignorati, come durante l'intervento in Iraq e Vietnam, arriva il disastro. E quando li seguono, come è il caso delle Nazioni Unite, con il piano Marshall, il successo va al di sopra di ogni aspettativa.

E anche se Trump non ha rispetto per il diritto internazionale e le istituzioni, e lui stesso è diventato un motivo di discordia all'interno nella nazione, questo non significa che non ha bisogno di condurre la collaborazione con Putin per gli americani e le persone in tutto il mondo.

In particolare, propone di estendere il contratto START-III e fare in modo di evitare la possibilità di un disastro nucleare per colpa di un computer o di un errore umano. Essi devono adempiere ai loro obblighi per prevenire la diffusione delle armi nucleari, ad esempio, l'adozione di misure per vietare i test, e avviare le trattative per liberare tutto il mondo dalle armi nucleari. Nel mese di luglio presso le Nazioni Unite 122 stati hanno votato per il divieto delle armi nucleari, ma la Russia e gli USA sono contrari a questa misura, sostenendo che minerebbe la stabilità strategica Putin e Trump devono non solo a parole collaborare per proteggere il pianeta e distruggere le armi nucleari. "Un nuovo incontro non solo per personali interessi politici, è nell'interesse dei loro paesi e in tutto il mondo", scrive l'esperto nel suo articolo su Newsweek.

Correlati:

Senatore russo spiega la reazione positiva del Pentagono all'invito di Trump a Putin
USA, Camera contraria a incontri “segreti” tra Donald Trump e Vladimir Putin
USA, nel campidoglio del Colorado appare il ritratto di Putin al posto di quello di Trump
Tags:
negoziati, collaboratore, Vladimir Putin, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik