07:05 18 Agosto 2018
Migranti in un centro di accoglienza in Germania

Die Zeit: "Germania deve essere più paziente per non spaventare gli immigrati"

© REUTERS / Michaela Rehle
Mondo
URL abbreviato
10017

Nel futuro la dipendenza della Germania dal lavoro degli immigrati aumenterà soltanto, ritiene il Die Zeit. Per non spaventare gli immigrati la Germania dovrà essere più aperta e tollerante. Il fatto è che il razzismo e gli atteggiamenti xenofobi nella società tedesca spaventano gli immigrati, sottolinea l’autore dell’articolo Marcel Fratzscher.

La Germania ha bisogno di immigrazione per garantire la sua competitività e il suo benessere economico, scrive Die Zeit. Ci sono sempre meno persone nel paese che sono in età lavorativa, osserva l'autore dell'articolo, Marcel Fratzscher. Quasi la metà degli ulteriori posti di lavoro creati negli ultimi 10 anni sono stati presi da migranti. L'altra metà sono per lo più donne e anziani.

Allo stesso tempo, il problema della carenza di personale qualificato continua a peggiorare e danneggiare le imprese tedesche, prosegue la pubblicazione. Negli ultimi 15 anni, a causa della "mappa blu", 81.000 migranti provenienti da paesi extra-UE sono arrivati ​​in Germania. Per lo più venivano dall'India, dalla Cina, dalla Russia, dagli Stati Uniti e dalla Turchia. Quasi l'85% di loro ha deciso di rimanere in Germania. E in futuro, la dipendenza della Germania dall'immigrazione non farà che aumentare. Ora, la Germania sta traendo vantaggio dalla disastrosa situazione economica in altre parti d'Europa, che sta spingendo molti europei a trasferirsi nel paese. Ma presto la situazione potrebbe cambiare e molti, al contrario, vorranno lasciare la Germania.

Angela Merkel
© REUTERS / Kevin Lamarque

Per evitare che ciò accada, il paese dovrebbe cambiare e diventare più attraente per gli immigrati, consiglia Fratzscher. In primo luogo, Berlino non dovrebbe dare la preferenza a specialisti altamente qualificati con un alto livello di stipendi. L'opportunità di vivere e lavorare nel paese deve essere fornita a coloro che si accontentano non del lavoro più remunerativo, ma più utile per la società.

L'autore raccomanda anche di creare condizioni di vita più confortevoli in Germania per coloro che non sono cittadini dell'UE, e anche, se necessario, per facilitare il trasferimento alle loro famiglie. Secondo l'autore, questo facilita l'integrazione dei migranti nella società tedesca. E questo vale non solo per gli specialisti altamente qualificati, ma anche per i rifugiati, sottolinea il giornalista: "Tutti dovrebbero avere una prospettiva chiara e a lungo termine".

Inoltre, la stessa società tedesca deve essere trasformata e in una più aperta e tollerante, continua la pubblicazione. Come molti studi mostrano, rispetto ad altri paesi dell'Europa settentrionale, la Germania non è il paese più attraente per i migranti. Fratzscher collega questo con atteggiamenti razzisti e xenofobi nella società tedesca, che si notano all'estero. L'autore riconosce che le leggi sulla migrazione in Germania sono relativamente liberali. Ma crede che sia necessario riconoscere apertamente l'importanza della migrazione e assumere le responsabilità corrispondenti, inviando così un segnale a coloro che vivono in Germania e oltre.

Correlati:

Germania, destra alternativa: Sanzioni contro la Russia insensate
Per giornale tedesco "la metà dei migranti con foglio di via è rimasta in Germania"
La Germania ci ha guadagnato dalla crisi greca?
Migranti, la Germania tra il passato nazista e il politically correct
Tags:
Immigrazione, Immigrati, immigrazione, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik