06:32 21 Novembre 2018
Riga, Lettonia

Giornalista lettone parla della "tragedia nazionale" nel paese

© Sputnik . Oksana Dzhadan
Mondo
URL abbreviato
2191

Il giornalista e studioso sovietico e lettone Arthur Priedītis sul portale Pietiek.com ha criticato aspramente le autorità della Lettonia e dell'intero popolo lettone per la "tragedia" che si sta verificando nel paese.

Secondo lui, non si può ritenere che il popolo lettone sia felice perché questo termine può essere usato per una vita degna di un uomo, e ciò che sta accadendo in Lettonia, non può essere definita una buona vita.

Secondo Priedītis i problemi della Lettonia sono la perdita della sovranità nazionale, l'introduzione di truppe straniere in conformità con i criteri di occupazione, le frodi con i concetti di "libertà" e "indipendenza", il saccheggio durante il dominio criminale-oligarchico, il sottosviluppo, la crisi demografica, le privatizzazioni, il collasso del sistema di istruzione, la scienza e la salute, la propagazione delle perversioni.

Con questo il giornalista ha detto che le autorità lettoni, alla vigilia delle elezioni, il 6 ottobre offerta solo ciò che può essere chiamato "l'ottimizzazione della tragedia". Le persone recitano discorso promettente, ma ogni promessa significherà alcuni cambiamenti nelle tragiche circostanze della realtà Lettone, ma non l'eliminazione della tragedia, ha detto.

Allo stesso tempo, il giornalista afferma che le autorità lettoni alla vigilia delle elezioni del 6 ottobre offrono solo ciò che si può chiamare un "ottimizzazione della tragedia". I politici fanno discorsi promettenti, ma ogni promessa porterà qualche cambiamento nelle tragiche circostanze della realtà lettone, e non affatto l'eliminazione della tragedia stessa, ha osservato.

Secondo Priedītis, le conseguenze di questa tragedia popolare sono pericolose, perché penetrano in profondità nella moralità nazionale, cambiano la mentalità della gente, l'identità del popolo, lo spirito, il suo ritratto morale e psicologico e la sua energia.

Per il popolo nel corso del governo trentennale delle forze nazional-reazionarie e criminal-oligarchiche ci sarà un futuro molto sgradevole, dice Priedītis.

Priedītis, il giornalista, conclude il suo articolo rivolgendosi alla saggezza popolare lettone dichiarando: "Non mi importa se egli sia stato in grado di rubare qualcosa".

A suo parere, se questa saggezza fosse stata molto diffusa tra la gente, lo stesso potere criminale-oligarchico si sarebbe trovato di fronte ad una resistenza di ferro.

"Tuttavia, non esiste praticamente nessuna resistenza", conclude Priedītis.

Correlati:

Lettonia in fiamme: solo la pioggia può spegnere gli incendi boschivi
Lettonia, donna lituana insultata sul bus: "occupante russa"
Lettonia, al via esercitazione militare internazionale a guida danese
Arrestato il caporedattore di Sputnik Lettonia
Tags:
Politica, Lettonia, Politica europea, Lettonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik