17:07 17 Agosto 2018
Tre giornalisti russi uccisi nella Repubblica Centrafricana

Portati a Mosca i corpi dei giornalisti morti in Repubblica Centrafricana

© Sputnik . Evgenya Novozhenina
Mondo
URL abbreviato
112

I corpi dei giornalisti russi che sono morti nella Repubblica Centrafricana sono stati portati da Parigi a Mosca domenica notte, ha dichiarato a Sputnik una fonte all'aeroporto di Sheremetyevo.

"I corpi dei giornalisti sono stati portati con il volo 1144 Air France. Sul posto si sono incontrati i rappresentanti delle indagini. I corpi saranno portati presso un esperto per l'esame forense", ha detto un interlocutore.    

Secondo lui, le persone che hanno accompagnato i corpi non comunicheranno con i media e non passeranno attraverso il terminal principale dell'aeroporto, dove gli stanno aspettando giornalisti. Al punto d'incontro del volo per il terminal E sono arrivati anche i parenti dei defunti e i rappresentanti del Centro per la gestione delle indagini, con le istruzioni con le quali il gruppo si è recato in Africa.

Al momento di arrivo del volo, i giornalisti e le troupe televisive si sono radunate all'uscita per i passeggeri. I passeggeri del volo hanno iniziato a uscire dopo 20-30 minuti dopo l'atterraggio.

I passeggeri intervistati da Sputnik hanno riferito di non aver visto e non sapere se il loro aereo trasportava i cadaveri dei giornalisti morti.

Pochi minuti prima dell'arrivo all'uscita per i passeggeri si sono avvicinate due donne, una delle quali era in abiti da lutto. Sedevano da sole e non hanno voluto conversare con i corrispondenti di Sputnik, dicendo che non erano parenti del defunto.

Nella Repubblica Centrafricana il 30 luglio sono stati uccisi Kirill Radchenko, Alexander Rastorguev e Orkhan Jemal. Tutti e tre avevano le tessere da giornalisti scaduti. Il comitato investigativo della Russia ha aperto un procedimento penale sotto l'articolo "omicidio".

Il Centro per le indagini ha comunicato che i giornalisti erano in Repubblica Centrafricana per le riprese di un documentario sulla presenza di istruttori militari russi. Con questo il Ministero degli Esteri russo ha definito assurdi i rapporti delle indagini su una compagnia militare privata, sottolineando che il Ministero già a marzo aveva riferito circa l'invio di istruttori in questo paese.

La situazione nella Repubblica Centrafricana è peggiorata all'inizio di dicembre 2013, quando gli scontri tra i militanti del gruppo islamico Seleka gli opposti ribelli cristiani sono scoppiati a Bangui. Secondo l'ONU alla fine di luglio, durante il conflitto, fino a un milione di persone sono state costrette a lasciare le loro case, con la morte di circa seimila.

Correlati:

Cosa succede in Repubblica Centrafricana?
Mosca accusa media di fare disinformazione su rapporti Russia-Repubblica Centrafricana
Repubblica Centrafricana: nuovi dettagli sui tre giornalisti russi uccisi
Tags:
giornalisti, giornalisti, Sputnik, Repubblica Centrafricana
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik