19:27 21 Agosto 2018
Bandiera dell'Iran

L’Iran indica le condizioni per il suo ritiro dalla Siria

CC BY 2.0 / Blondinrikard Fröberg / Iranian flag
Mondo
URL abbreviato
6251

L'Iran ridurrà la sua presenza in Siria o si ritirerà se la situazione si stabilizzerà e la lotta al terrorismo finirà. Lo ha affermato il portavoce ufficiale del ministero degli Esteri iraniano Bahram Kasemi.

"Fino a quando il governo della Siria lo desidera, noi saremo presenti. Il nostro compito più importante, oltre alla richiesta da parte del governo siriano, è la lotta contro il terrorismo. Non appena in Siria ci sarà stabilità e la lotta contro il terrorismo sarà terminata, allora avremo raggiunto i nostri obiettivi, e ovviamente potremo ridurre la presenza in Siria o addirittura ritirarci del tutto", ha detto Kasemi.

A metà luglio, Ali Akbar Velayati, consulente per gli affari internazionali di Ali Khamenei, ha dichiarato che l'Iran manterrà la sua presenza in Siria per evitare che i terroristi riprendano l'attività. Egli ha sottolineato che le truppe iraniane in Siria sono presenti su richiesta di Damasco e che gli Stati Uniti devono ritirarsi. 

I funzionari israeliani hanno ripetutamente espresso preoccupazione per le forze iraniane in Siria perché li considerano una minaccia per Israele.    

Correlati:

Mosca: "il confronto tra Israele e Iran in Siria potrebbe andare fuori controllo"
Bloomberg: Israele cerca di mettere in conflitto la Russia e l'Iran in Siria
Mike Pompeo: "l'Iran se ne deve andare dalla Siria"
Tags:
stabilità, Presenza militare, lotta contro il terrorismo, Ritiro, Iran, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik