10:12 18 Agosto 2018
I militari degli USA e Georgia

Georgia: iniziano esercitazioni NATO senza precedenti

© AP Photo / Shakh Aivazov
Mondo
URL abbreviato
6224

L'esercitazione multinazionale di due settimane NATO Noble Partner (2018) ha avuto inizio in Georgia il 1° agosto, oltre 3.000 soldati di 13 paesi della NATO e paesi partner dell'Alleanza del Nord Atlantico partecipano alle esercitazioni, riporta un corrispondente del giornale VZGLYAD a Tbilisi.

Le esercitazioni si svolgono sotto il motto "La Forza nell'unità". Il rappresentante dello Stato maggiore georgiano, Archil Omiadze, ha affermato che "le esercitazioni in corso non hanno precedenti nel numero di paesi che hanno inviato contingenti, così come il numero di partecipanti e di mezzi". È la prima volta che la Georgia, alla quale è stato promesso un posto nella NATO 10 anni fa senza date esatte, prende parte a manovre di questa portata.

Le esercitazioni sono state inaugurate presso la base del Ministero della Difesa a Vaziani, che diversi anni fa apparteneva all'esercito russo. Allo esercitazioni hanno assistito gli alti vertici della Georgia: il presidente, il primo ministro, lo speaker del parlamento, i ministri e gli ospiti stranieri.

Noble Partner si svolge in Georgia per la quarta volta, iniziate come esercitazioni georgiano-americane, crescono ogni anno. L'anno scorso, 2.800 militari di otto paesi hanno preso parte alle esercitazioni. Ora, a parte la Georgia partecipano gli Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia, Estonia, Lituania, Polonia, Norvegia, Turchia, Ucraina, Azerbaigian e Armenia. I mezzi per le esercitazioni sono arrivati dalle basi militari americane in Germania. 

Correlati:

In Georgia si va con la "militare"
Ungheria potrebbe bloccare dichiarazione finale della NATO su Ucraina e Georgia
La Georgia coltiverà l’uva su Marte
Georgia: in una discarica nati centinaia di pulcini (VIDEO)
Tags:
Esercitazioni, esercitazione, esercitazioni, ministero della Difesa della Federazione Russa, NATO, Georgia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik