14:16 20 Novembre 2018
Sphinx and Pyramid of Cheops

La piramide di Cheope è in grado di concentrare le onde radio

CC0
Mondo
URL abbreviato
3130

Dei fisici tedeschi e russi hanno studiato le caratteristiche della piramide di Cheope e sono giunti alla conclusione che questa è in grado di concentrare l’energia elettromagnetica nelle sue camere interne e di focalizzarla nello spazio sotto di sé. La scoperta è stata pubblicata sul Journal of Applied Physics.

"Dato il grande interesse per le piramidi, abbiamo deciso di guardare la piramide di Cheope come una particella che dissipa in modo risonante le onde radio. Abbiamo ottenuto una serie di risultati interessanti che possono trovare importanti applicazioni pratiche", ha affermato Andrey Yevlyukhin, coordinatore di tali studi all'Università ITMO di San Pietroburgo.

La piramide di Cheope fu costruita a metà del terzo millennio a.C. per iniziativa del faraone Khufu (Cheope), rappresentante della quarta dinastia dell'Antico Regno: il periodo di costruzione di tutte le "grandi piramidi" dell'Egitto. Questa costruzione, alta 145 metri, larga 230 metri e lunga 230 metri, rimane una delle strutture più alte e più grandi mai costruite dall'umanità..

Negli ultimi due secoli, all'interno della piramide, gli scienziati hanno scoperto quattro stanze, una delle quali avrebbe seppellito il faraone stesso, l'altra sua moglie, la terza era considerata un'esca o una trappola per i ladri, e la quarta stanza è stata recentemente trovata dai fisici. All'interno delle mura dei corridoi che conducono alla tomba di Khufu, gli archeologi hanno trovato canali insoliti, che consideravano come elementi di un "sistema di sicurezza" che avrebbero dovuto proteggere il faraone dai tombaroli.

Alla piramide di Cheope e alle sue "cugine" spesso vengono attribuite varie proprietà magiche, tra cui la capacità di "concentrare l'energia del cosmo" e molti altri fenomeni antiscientifici.

Gli scienziati hanno iniziato a studiare le reali proprietà fisiche della piramide solo pochi anni fa, quando i ricercatori iniziarono a cercare nuove stanze segrete usando i rivelatori di muoni.

Evlyukhin, i suoi colleghi dell'Università di ITMO e i fisici dell'Università di Hannover, hanno condotto uno dei primi test del genere, studiando come la piramide di Cheope interagisce con varie forme di radiazioni elettromagnetiche.

Gli scienziati hanno suggerito che la piramide, come molti altri oggetti creati dall'uomo, può comportarsi come risonatore focalizzante e amplificante delle oscillazioni, la cui lunghezza d'onda è proporzionale alle dimensioni del "miracolo della luce" stesso. In questo caso stiamo parlando di onde radio di un metro nell'intervallo tra 200 e 600 metri. Circa nello stesso intervallo, operano molte stazioni radioamatoriali e reti radio.

Nei suoi calcoli, come notato da Evlyukhin, gli scienziati hanno preso in considerazione tutti i vuoti conosciuti all'interno della piramide, così come le proprietà del suo materiale da costruzione principale, il calcare. Avendo creato un modello computerizzato, i fisici "hanno sparato" dei fasci di onde radio e hanno seguito il modo in cui hanno interagito con la struttura nel suo insieme e con i singoli elementi.

I calcoli hanno dimostrato che la piramide di Cheope interagisce realmente con le onde radio "amatoriali", accumulando la loro energia nella tomba del faraone e reindirizzandola al punto che è direttamente sotto la base della piramide dove si trova la terza camera. Soprattutto, influenza le onde con una lunghezza di 333 e 230 metri.

Secondo gli autori dell'articolo, la piramide di Cheope e le sue cugine possono interagire ancora più intensamente con altri tipi di onde, ma questo rimane da verificare. Inoltre, i segreti della sua struttura potrebbero formare nanoparticelle che focalizzano la luce, non le onde radio, che sarebbero paragonabili a dei computer di luce o altri gadget del futuro.

Correlati:

"Stato Islamico" minaccia di far esplodere le piramidi in Egitto
Archeologia ferita: perché i turisti danneggiano il nostro patrimonio archeologico?
Tags:
Archeologia, Scienza e Tecnica, archeologia, ricerca scientifica, Ricerca scientifica, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik