13:35 20 Novembre 2018
St. Nicholas' Beacon and Church in the Malorechenskoye Village, Sudak District, Crimea

Crimea esorta Ucraina a smettere di perseguitare stranieri che visitano la penisola

© Sputnik . Alexey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
3211

Le autorità di Kiev devono fermare la persecuzione degli stranieri che visitano la Crimea russa e devono affrontare i problemi interni del loro stato, ha detto il capo della Commissione per le relazioni interetniche della Crimea, Yuri Gempel.

Una delegazione della Repubblica Ceca, guidata dal deputato del Parlamento europeo Yagomir Koglicek, è in Crimea da diversi giorni. Include politici e personaggi pubblici. Allo stesso tempo, l'ambasciata dell'Ucraina nella Repubblica Ceca ha protestato in relazione a questa visita. L'ambasciata ha ricordato che l'Ucraina si riserva il diritto di imporre a tutti i cittadini stranieri che visitano la Crimea senza il consenso di Kiev, "l'intera gamma di sanzioni previste dalla legislazione ucraina".

"È impossibile fermare il processo di riavvicinamento e il processo di comunicazione tra i cittadini che vivono in Crimea e in Europa, i funzionari di Kiev dovrebbero smettere di sprecare tempo in tali azioni, sarebbe meglio affrontare i problemi interni all'Ucraina, che sono tanti", ha detto a Sputnik Gempel.

Secondo lui le persecuzioni contro gli stranieri da parte di Kiev non portano a niente.

"Le cosiddette misure contro gli stranieri che si recano in Crimea non hanno nessun effetto e mai ne avranno. È impossibile oggi fermare quel processo di avvicinamento tra Europa e Russia, il quale si nota particolarmente nell'ambito delle relazioni umane" ha sottolineato Gempel.

 

Correlati:

La Repubblica Ceca deve pagare per non accettare i migranti?
Delegazione OSCE stabilisce condizioni per visitare la Crimea
Parlamento russo risponde alla "dichiarazione sulla Crimea" del Dipartimento di Stato USA
Tags:
Situazione in Crimea, Reintegro Crimea, Crimea e diritto internazionale, Repubblica Ceca, Kiev, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik