17:08 17 Agosto 2018
La frontiera tra le due Coree

Tra dolore e lacrime: 65esimo anniversario della fine della guerra in Corea del Sud

© AP Photo / Ahn Young-joon
Mondo
URL abbreviato
0 21

Dalla stipula dell'accordo di armistizio nella guerra di Corea sono passati 65 anni, ma le lacrime di chi è riuscito a sopravvivere agli orrori di quel tempo, continuano ad essere versate fino ad ora.

La guerra causò la morte di centinaia di migliaia di persone, ha creato un trauma psicologico in tutto il popolo coreano. Oggi nel sud della penisola coreana ricordano coloro che hanno fatto la guerra con le armi in mano, quelli che stanno affrontando una dura prova ora, chi è stato vittima del confronto ideologico dei due sistemi, che hanno diviso quella che era una volta una sola Corea.

Eroi

So Colenju quest'anno ha già compiuto 93 anni, ma nonostante la sua età avanzata, va in montagna a Gapyeong ad est di Seoul. "Ci devono essere i combattenti della mia squadra. Il loro corpo è qui, quindi vengo. Voglio solo pregare sulle loro tombe", racconta il veterano della guerra di Corea. Fin da giovane viene in questi luoghi, dove ci sono state aspre battaglie, in cerca di un luogo di eventuale sepoltura dei suoi compagni, con i quali in tempo di guerra ha diviso le gioie e le avversità. E più di tutto vuole trovare l'amico con cui è quasi morto durante la battaglia. "Il proiettile l'ha colpito e sanguinava. "Non morire!" ho urlato, e lui in risposta ha sussurrato "tenente,…" e lì è morto. Ho lasciato il suo corpo e sono andato all'offensiva", con tristezza ricorda. Ma ora non abbandona la speranza di trovare il compagno e pregare per il riposo della sua anima. 

Traditori 

Non meno triste è la sorte toccata a semplici cittadini della Repubblica di Corea, che le autorità hanno registrato in sintonia Nord. Con l'inizio della guerra e la ritirata delle truppe della Corea del Sud, la polizia militare e i membri delle organizzazioni radicali anti-comuniste hanno iniziato ad eseguire senza processo i membri della cosiddetta "Unione dei cittadini informati", in precedenza per la "rieducazione" sono stati forzatamente inclusi tra i politicamente inaffidabili.

Secondo alcune stime, a causa di queste purghe sono stati uccisi 200 mila sudcoreani. E molti di loro non avevano alcun rapporto con i comunisti. I sopravvissuti della violenza del luglio 1950 nel villaggio Eijanni nel sud del paese, con difficoltà ricordano quei terribili eventi. "L'uomo, che doveva seppellire i corpi, piangeva mentre raccontava di come ancora la gente fino all'ultimo chiedeva di essere salvata. Ma accanto vi era l'addetto delle sparatorie di polizia, e non poteva salvarli" dicono i locali. Per lungo tempo ai testimoni di questi crimini era vietato parlare di ciò che hanno visto per minaccia di morte. E la paura di essere puniti solo per il sospetto di complicità con la Corea del Nord per alcuni vale ancora oggi.

I rifugiati

La firma dell'accordo di armistizio del 27 luglio 1953, non solo ha fermato la guerra, ma alla fine ha diviso le Coree del Nord e Sud, lasciando nei cuori di molti coreani l'eterna tristezza di una piccola patria, in cui non si può più tornare indietro. Forse, l'esempio più eclatante tra gli sfollati è quello del padre dell'attuale presidente della Corea del Sud Moon Enchen. Nativo di Chinama, città sulla costa orientale della Corea del Nord, Moon, con l'inizio della guerra di Corea è fuggito su un'isola, a Kochze, più a sud della Repubblica di Corea. Tuttavia, la vita lì con difficoltà l'ha dovuta ricostruire da zero. E dopo numerose difficoltà ed esperienze per il futuro della sua famiglia, il suo cuore nel 1978, all'improvviso si è fermato. La moglie Kang Hanok ha dovuto guadagnarsi da vivere vendendo mattonelle di carbone e vari oggetti usati sul mercato. Nel 2004, con suo figlio è riuscita nel corso di un incontro di famiglie separate, a vedere sua sorella minore, che non aveva mai visto da quando aveva due anni. Mancava nella sua patria da 68 anni e sa se la visiterà di nuovo.

Fratelli

In base a uno dei più popolari film sudcoreani, Agitando Tchegiki,  sembrava che quasi un quarto della popolazione del paese, avesse storie vere di fratelli sul campo di battaglia ma su lati opposti. Ultimamente queste cose si ricordano particolarmente spesso. Durante una di queste battaglie la Corea del Nord in 12 giorni per 15 volte ha cercato di prendere d'assalto le truppe della Corea del Sud nel villaggio Pchonaim. E ai fratelli, separati dalla guerra, dovevano spararsi a vicenda. Gli orrori della guerra fratricida sono ricordati dal monumento ai caduti "Fratelli", racconta la vera storia di un incontro di parenti separati sul campo di battaglia. Ma oggi ci sarà un aspetto, forse ancora più emblematico. Perché la tragedia dei fratelli, costretti a uccidere l'un l'altro è percepito allo stesso modo doloroso nel Sud come nel Nord della Corea. E oggi sono più vicini che mai per celebrare l'anniversario.

Correlati:

Economia tedesca può aver perso 200 milioni di euro per la partita con la Corea del Sud
Kim Jong-un vuole trasformare la Corea del Nord in un "paese normale"
Corea del Nord, secondo Usa nel 2018 ha violato le sanzioni Onu almeno 89 volte
Tags:
Anniversario, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik