11:33 16 Novembre 2018
Julian Assange

Che succederà ad Assange?

© REUTERS / Olivia Harris/Files
Mondo
URL abbreviato
9415

Secondo l'articolo pubblicato da The Intercept, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange potrebbe presto essere mandato via dall'Ambasciata dell'Ecuador a Londra e consegnato alle autorità britanniche su disposizione dell'amministrazione del presidente Lenin Moreno.

In un'intervista con Sputnik il giornalista freelance ed ex corrispondente del Wall Street Journal Joe Lauria discute le prospettive del fondatore di WikiLeaks.

Sputnik: il governo dell'Ecuador allude all'imminente fine della permanenza nell'Ambasciata a Londra di Assange. Secondo lei, avverrà presto?

— Avverrà non appena sarà raggiunto un accordo tra il presidente dell'Ecuador ed il ministero degli Esteri britannico. Ci potrebbero volere pochi giorni o settimane; gli eventi si sviluppano molto rapidamente. Il nuovo ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt ha detto su Assange che "è libero di uscire dall'Ambasciata dell'Ecuador in qualsiasi momento, quando vuole, la polizia britannica lo accoglierà a braccia aperte."

Sputnik: negli ultimi 6 anni Julian Assange è stato protetto dal governo ecuadoriano presso l'Ambasciata a Londra. Perché dopo 6 lunghi anni hanno perso la pazienza? Può chiarire la situazione?

— In Ecuador si sono svolte le elezioni, un nuovo governo è salito al potere, è molto amichevole nei confronti degli Stati Uniti. Il precedente presidente dell'Ecuador aveva avuto il coraggio di opporsi agli Stati Uniti e difendere i diritti di Assange. Ora questo Lenin Moreno è salito al potere ed un paio di mesi fa alcuni funzionari statunitensi di alto livello si erano recati a Quito per colloqui con il nuovo governo, probabilmente in quel momento hanno trovato un accordo. Questo governo è la classica amministrazione di un Paese latinoamericano che fa quello che gli Stati Uniti vogliono, ricevendo qualcosa in cambio, non sappiamo cosa. Negli ultimi anni ci sono stati diversi governi di sinistra in America Latina, ma la situazione sta cambiando ed è cambiata in Ecuador. Pertanto la questione è essenzialmente legata al nuovo governo.

Sputnik: fino a che punto Julian Assange sarà in grado di difendersi, visto il suo stato mentale al momento? Penso che molte persone e molti esperti hanno fatto riferimento al fatto che si trova in cattive condizioni mentali e fisiche, certamente tutto questo non lo aiuta a difendersi adeguatamente.

— Avrà un pool di avvocati i quali sosterranno che, prima di tutto, in base ad una risoluzione delle Nazioni Unite, si trova arbitrariamente arrestato nell'Ambasciata dell'Ecuador e dovrebbe essere rimesso in libertà immediatamente. Il governo britannico ha fatto appello contro questa risoluzione ONU, ma ha perso. Ma non importa, il segretario di Stato, l'ex direttore della CIA Mike Pompeo, ha fatto chiaramente capire di ritenere WikiLeaks un servizio di intelligence straniera ostile non governativo, il procuratore generale Jeff Sessions ha dato la massima priorità all'arresto di Julian Assange.

Sarà molto interessante se arriverà negli Stati Uniti per comparire in tribunale, sarà il primo giornalista sotto processo dal periodo coloniale, quando un uomo di nome John Zenger è stato arrestato dal governatore inglese di New York.

Nessuno ha mai arrestato un giornalista per aver pubblicato informazioni classificate.

Correlati:

Margarita Simonyan commenta la possibile revoca dell'asilo ad Assange dell'Ecuador
Fonti: Ecuador pronto a revocare asilo di Assange
Tags:
Giustizia, Estradizione, Wikileaks, Lenin Moreno, Julian Assange, Ecuador, America Latina, Gran Bretagna, Londra, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik