07:08 18 Agosto 2018
Università Statale di Mosca (MGU)

Ricercatori russi elaborano nuova diagnosi rapida su avvelenamento di armi chimiche

© Sputnik . Maksim Blinov
Mondo
URL abbreviato
150

I collaboratori della facoltà di Chimica dell'Università Statale di Mosca hanno brevettato un nuovo metodo rapido per determinare i composti che restano dopo l'uso di veleni al fosforo; questo lavoro aiuterà la diagnosi delle persone avvelenate nelle indagini sull'uso di armi chimiche.

I ricercatori hanno lavorato in collaborazione con il centro scientifico del ministero della Difesa della Federazione Russa. In futuro questa innovativa diagnosi potrà essere sfruttata nelle indagini sui fatti che riguardano l'uso di agenti chimici, comunica l'ufficio stampa dell' Università Statale di Mosca (MGU).

"Il nostro metodo è più veloce rispetto all'analisi gascromatografica per l'assenza della fase di derivatizzazione (conversione di una sostanze in un composto facilmente scomponibile). Per implementare la nuova diagnosi serve un assorbente speciale, non molto spesso utilizzato nella prassi di routine dei laboratori di analisi, ma questo assorbente è disponibile in commercio e permette di ottenere ottimi risultati," — ha detto uno degli autori del brevetto, il ricercatore senior dell'Università Statale di Mosca Mikhail Statkus.

Tags:
Medicina, Scienza e Tecnica, Armi chimiche, Università di Mosca - MGU, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik