21:16 21 Ottobre 2018
Sarcofago

In Egitto al via operazione per l'apertura di un sarcofago nero

© Foto : University of Tübingen, Ramadan B. Hussei
Mondo
URL abbreviato
390

Inaspettatamente gli archeologi ed ingegneri egiziani hanno iniziato oggi l'apertura di un misterioso sarcofago nero scoperto all'inizio di luglio nella città di Alessandria, scrive il giornale egiziano "Al Ahram".

La copertura è ormai depressurizzata e cresciuta solo di cinque centimetri, tuttavia la commissione del ministero per i monumenti antichi d'Egitto che si occupa dell'operazione ha sospeso i lavori ed ha deciso di evacuare tutti quelli che osservavano il processo, per il timore che possano fuoriuscire gas velenosi posti più di 2mila anni fa nel sarcofago.

"Saranno presenti sul posto solo archeologi ed ingegneri <…> Il gas velenoso che può fuoriuscire durante l'apertura del sarcofago potrebbe provocare gravi danni alla salute umana e potrebbe risultare letale", — ha detto al giornale un esperto che lavora sul sito.

Il giornale sottolinea che l'operazione per l'apertura del sarcofago è iniziata del tutto inaspettatamente, i giornalisti non sono stati invitati al sito, nonostante le recenti dichiarazioni del dicastero competente egiziano, che promettevano un intervento aperto al pubblico. "La commissione del ministero è arrivata sul sito per aprire il sarcofago inaspettatamente, accompagnata da una maggiore scorta, ai giornalisti non è stato permesso di assistere", ha detto uno dei testimoni oculari.

Il gigantesco e sigillato misterioso sarcofago di granito nero dal peso di 25-30 tonnellate è stato scoperto all'inizio di luglio durante i lavori di costruzione in uno degli edifici della città di Alessandria. Nello stesso luogo ad una profondità di cinque metri sono stati trovati un frammento di 40 centimetri di una statua di un uomo in marmo ed alcuni manufatti. Gli esperti ritengono che la statua e gli artefatti possano riferirsi alla persona sepolta nel sarcofago.

Tags:
Arte, Storia, Archeologia, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik