17:10 19 Ottobre 2018
La Torre Eiffel spenta in commemorazione delle vittime dell'attentato a San Pietroburgo

Leggi contro fake news mettono la democrazia in una posizione scomoda

© Sputnik . Ирина Калашникова
Mondo
URL abbreviato
220

Lo ha detto un senatore francese.

La commissione, per la legislazione del Senato francese ha respinto il 17 luglio due controversi disegni di legge, per combattere le fake news. Sputnik France ha parlato con i parlamentari che hanno espresso la loro soddisfazione per la decisione del comitato del senato. 

Questa decisione ha rallegrato il senatore Roger Karoutchi, del partito dei repubblicani:

"Sono molto contento di questa decisione. Credo che questa sia una minaccia e un disegno di legge poco studiato, non si può dare all'organo i poteri di decidere quali informazioni vanno bene e quali no. Tutto questo è di nuovo fatto in nome della correttezza politica e conformismo", ha detto il senatore in un'intervista esclusiva a Sputnik France.

Lui non è l'unico che ritiene che le leggi sulle fake news possano portare alla tirannia. Molti parlamentari hanno espresso il loro dissenso, ad esempio, il deputato e leader Jean-Luc Mélenchon, ha pubblicato nel mese di giugno nel suo blog un articolo in cui si indica che pericolo ci sia per questi progetti di legge per la democrazia:  "spazzati Russia Today e Sputnik, il governo mette a repentaglio tutti i siti".

Tuttavia i disegni torneranno in Assemblea Nazionale per la revisione. Perché il partito "Avanti, Repubblica!" ha la fazione di maggioranza, i disegni possono essere ripresi senza alcuna modifica. Tale probabilità non spaventa il senatore.

"Molto raramente accade che il Senato si rifiuti di discutere di qualsiasi disegno di legge. Se l'assemblea Nazionale voterà di nuovo, ci rivolgeremo alla Corte Costituzionale. Il senato non permetterà a questi disegni di legge di andare avanti".

Il senatore Alain Houpert, del partito dei repubblicani, in un'intervista esclusiva a Sputnik France ha espresso fiducia per la punizione di fake news, tuttavia, la libertà di parola non deve soffrire. "Ho delle domande: che cosa è falso? Chi deciderà? Chi potrà analizzare?", chiede il senatore. "Queste leggi hanno messo la democrazia in una posizione scomoda. La situazione nel nostro paese rimane solo un passo prima di chiudere le bocche. Vogliamo davvero tornare ai tempi di Galileo e di Copernico? Non voglio che la nostra democrazia diventi democratura".

Ricordiamo che il progetto di legge consente al candidato alle elezioni o a un partito politico di rivolgersi al tribunale per impedire la diffusione "di notizie false" nei tre mesi precedenti alle elezioni nazionali. Inoltre sono previsti obblighi per le piattaforme digitali (Facebook,Twitter, ecc) per garantire la trasparenza, quando si diffondono contenuti a pagamento.

Correlati:

La macchina della democrazia
Cosa hanno in comune la democrazia USA e quella del Brasile?
Gli USA hanno promesso di "ripristinare la democrazia" in Venezuela
Macron chiede di combattere le fake news per difendere la democrazia
Tags:
Democrazia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik