00:06 16 Agosto 2018
Spiaggia in Crimea

Albergatori della Crimea arrabbiati con Booking.com

© Sputnik . Sergey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
2224

A seguito della limitazione delle attività in Crimea del famoso portale per la prenotazione di hotel Booking.com, gli albergatori locali possono passare ai canali di vendita nazionali, ha affermato la presidentessa dell'Associazione degli Alberghi della penisola Natalia Parkhomenko.

Il servizio Booking.com ha interrotto la prenotazione degli alberghi nelle località della Crimea a scopo ricreativo e turistico, mentre gli hotel sono selezionabili se lo scopo del viaggio nella penisola è di lavoro. Inoltre sono state cancellate le recensioni e la possibilità di valutare da parte dei viaggiatori gli hotel della Crimea. Il presidente della commissione Turismo del parlamento della Crimea Alexey Chernyak a sua volta ipotizza che questa scelta del portale possa essere legata alle sanzioni.

"Le sanzioni ci rafforzano solo. Ogni albergatore ha la possibilità di riflettere su cosa fare e inventarsi qualcosa di nuovo. Non vale la pena fare allarmismi. Bisognava aspettarselo già un anno fa. Sostituiamolo. Tutto ciò che non si fa, è fatto per il meglio… Bisogna lavorare per migliorare la qualità e il servizio e collaborare con gli stessi canali di vendita, ma russi. Ci sono tante opzioni. La cosa più importante è non stare a guardare," — ha detto la Parkhomenko in un'intervista a Sputnik.

Secondo lei, le strutture ricettive dovrebbero prestare maggiore attenzione allo sviluppo e alla promozione dei propri siti web.

"In linea di principio qualsiasi hotel che si rispetti dovrebbe, ad un certo punto puntare sulle vendite dirette: l'80% delle prenotazioni dovrebbe provenire da vendite dirette e non da terze parti, è tempo di investire in sè stessi", ha rilevato la Parkhomenko.

Correlati:

Cremlino: illogico chiedere a Russia di restituire Crimea
In Crimea sicuri, prima o poi gli USA riconosceranno la sovranità russa
L'agenzia Bloomberg ha rimosso la carta con la Crimea come "terra di nessuno"
Oltre 100 mila veicoli hanno attraversato il ponte in Crimea questa settimana
Tags:
Società, internet, sanzioni antirusse, Turismo, turisti, Turisti stranieri in Russia, Booking.com, Russia, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik