10:21 16 Novembre 2018
Sinferopoli, Crimea

Cremlino: illogico chiedere a Russia di restituire Crimea

© Sputnik . Aleksey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
8190

Chiedere alla Russia do restituire la Crimea è assolutamente illogico e senza prospettiva, ha detto il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov in una intervista con RT.

In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha definito la riunificazione della penisola con la Russia "una catastrofe di Obama". Ha osservato che non avrebbe permesso la riunificazione della Crimea alla Russia, se fosse stato a capo degli Stati Uniti nel 2014.

Peskov ha detto che i tentativi di costringere la Russia a rinunciare alla Crimea "è una strada verso il nulla".

"Vale la pena di parlare solo in una maniera, ovvero che la ripetizione di una frase del genere, che, fino a quando la Russia non darà alla Crimea, succederà questo e qualcos'altro, la ripetizione di questa frase come mantra, è assolutamente illogico, non accadrà mai nulla" ha detto Peskov.

Allo stesso tempo, il segretario stampa del leader russo non ha escluso che Trump possa cambiare la sua posizione sulla Crimea. Tuttavia, ha aggiunto che Mosca non si illuderà.

La Crimea è diventata russa dopo un referendum tenutosi nella penisola nel 2014, dove oltre il 90% dei residenti ha votato per la riunificazione. Le autorità russe hanno ripetutamente osservato che gli abitanti della Crimea hanno votato per l'ingresso della Russia in modo democratico e nel pieno rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. Come ha detto il presidente Vladimir Putin, la questione della Crimea è completamente chiusa.

Correlati:

Ucraina: "inutilità" delle sanzioni contro la Crimea
Donbass e Crimea: la Merkel trova giustificazioni per aumento spese militari NATO
Politologo svela perché a Washington conviene non riconoscere la Crimea come Russia
Tags:
Situazione in Crimea, Reintegro Crimea, Crimea e diritto internazionale, Donald Trump, Dmitry Peskov, Barack Obama, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik