17:35 21 Settembre 2018
Le bandiere di Cina e India

L’India cambia il suo approccio alla strategia indo-pacifica USA?

© REUTERS / Adnan Abidi/File Photo
Mondo
URL abbreviato
5111

L'India sta cercando di costruire in modo indipendente una partnership in mare, essendo parte della strategia indo-pacifica degli USA. Nei prossimi mesi condurrà intensi negoziati diplomatici con Cina e Russia. Il dialogo con i partner è finalizzato a chiarire la relazione tra l'India e il “quadrilatero” strategico USA riporta l'Hindustan Time.

A giudicare dai resoconti dei media indiani, la parte indiana ha avviato il dialogo con la Cina sugli affari marittimi. Il meccanismo di consultazione su questo tema è stato avviato nel 2016, ma il primo incontro, a quanto pare, non ha portato il risultato previsto. Ora il dialogo marittimo tra India e Cina assume un significato speciale. Prima di tutto, perché si svolgerà nelle condizioni della formazione del quadrilatero strategico indo-pacifico americana.

Gli Stati Uniti hanno invitato l'India, l'Australia e il Giappone a parteciparvi per contrastare congiuntamente la crescente influenza della Cina nella regione. Tuttavia, recentemente a Singapore alla conferenza internazionale sulla sicurezza, il Primo ministro indiano a Shangri-La, Narendra Modi, ha formulato la sua visione strategica di questo nuovo meccanismo. A differenza degli Stati Uniti, non crede che il "quadrilatero" sia l'unica guardia di sicurezza in questa regione. Il Primo Ministro dell'India ha dichiarato di non considerare il "quadrilatero" come un gruppo che cerca di dominarlo, e in nessun modo ritiene che questo meccanismo sia diretto contro qualsiasi paese.

Narendra Modi negli ultimi mesi ha incontrato due volte il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping. Innanzitutto, in un ambiente informale a Wuhan, quindi nei campi del vertice SCO a Qingdao. Ovviamente, le parti hanno avuto l'opportunità di scambiarsi opinioni su questo tema. Nel frattempo, le consultazioni speciali tra Cina e India sulla costruzione delle loro strategie in mare sono importanti di per sé. Aiuteranno a rafforzare il partenariato sulla base di valori e interessi comuni, escludono qualsiasi tentativo da parte di terzi di dettare le sue regole del gioco in quest'area, per non parlare della parte cinese su quella indiana e viceversa. L'India, come ha chiarito Narendra Modi a Singapore, non intende essere alla mercé degli Stati Uniti, per servire i propri interessi anti-cinesi nella strategia dell'Indo-Pacifico. Il dialogo navale dovrà rafforzare questa tendenza nella politica indiana ritiene l'esperto del Centro per gli studi eurasiatici dell'Istituto per i problemi internazionali di attualità dell'Amministrazione diplomatica del Ministero degli Esteri russo Andrei Volodin ha detto in un'intervista con Sputnik:

"L'importanza del dialogo è determinata dal fatto che l'India cambia il suo atteggiamento nei confronti della Cina: New Delhi cessa di sperare e di guardare agli Stati Uniti nel dialogo con Pechino. Pertanto con la Cina inizia una conversazione su tutta una gamma di questioni e relazioni, bloccato da terze parti. Da un lato, gli Stati Uniti non sono interessati al miglioramento delle relazioni tra India e Cina. Dall'altra parte, certi circoli politici influenti in India sperano molto che gli Stati Uniti aiutino l'India nel dialogo con la Cina. Ora queste speranze sono scomparse. New Delhi deve avvicinarsi nei rapporti con Pechino con una posizione di pragmatismo e fiducia in se stessa".

L'esperto dell'Accademia Diplomatica Cinese Su Hao crede che la sicurezza in mare possa diventare una nuova piattaforma per la cooperazione della Cina con l'India:

"La sicurezza e la cooperazione in mare è una parte molto importante del dialogo tra la Cina e l'India. Soprattutto nel contesto della continua cooperazione tra gli Stati Uniti, il Giappone e l'Australia per lo sviluppo della strategia dell'Indo-Pacifico, Pechino tenta di connettersi ad esso per l'India. Cina e India devono rafforzare e migliorare reciprocamente la comunicazione e gli scambi. È ovvio che la cosiddetta strategia dell'Indo-Pacifico è diretta contro la Cina, quindi un importante punto di partenza per lo sviluppo della situazione nella regione sarà in gran parte la decisione dell'India di aderire o meno a questo meccanismo strategico.

I media occidentali affermano che la flotta cinese nell'Oceano Indiano e Pacifico rappresentano una sfida e una minaccia per l'India. Tuttavia, l'atteggiamento dell'India nei confronti di questo problema è estremamente cauto, e indirettamente che non intende cristallizzarsi con Stati Uniti, Giappone e Australia. Inoltre, l'influenza della Cina nella regione indo-pacifica è cresciuta significativamente negli ultimi anni. Svolge un ruolo positivo nello sviluppo della regione e il mantenimento della stabilità, contribuisce allo sviluppo dell'India stessa. La Cina non pregiudica la posizione dell'India in Asia meridionale e in Asia nel suo complesso. Al contrario, la Cina sta rafforzando la posizione dell'India nella regione asiatica. Ad aprile, i leader di Cina e India hanno tenuto un incontro a Wuhan, dopo il quale i rapporti tra i due paesi si sono chiaramente migliorati. In queste condizioni, la sicurezza in mare sarà un nuovo spazio strategico per la cooperazione tra i due paesi. Pertanto, il prossimo secondo round di dialogo tra Cina e India in materia marittima sarà una piattaforma per trovare un nuovo spazio per la cooperazione".

Gli osservatori hanno notato che i media indiani sul prossimo dialogo con la Cina sulle questioni marittime hanno pubblicate altre due notizie importanti. Uno di queste è che la Reserve Bank of India ha rilasciato una licenza alla Bank of China per aprire la sua prima filiale. "Questa è una promessa data da Narendra Modi", osserva il quotidiano cinese Huangcu shibao. L'altra notizia è cje "Air India" ha sostituito sul suo sito web il nome Taiwan con il nome cinese Taipei.

Correlati:

India, approvato l'accordo per l’acquisto dei sistemi missilistici russi S-400
Washington discuterà con Cina e India lo stop alle forniture petrolifere dall'Iran
Economista commenta la guerra commerciale tra USA e Cina
S&P svela dei rischi di escalation della guerra commerciale tra USA e Cina
Tags:
Relazioni Internazionali, relazioni bilaterali, relazioni diplomatiche, relazioni diplomatiche, Narendra Modi, Xi Jinping, India, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik