14:56 18 Luglio 2018
Il presidente francese Emmanuel Macron

Atlantico: i francesi considerano Macron arrogante e lontano dal popolo

© REUTERS / Yoan Valat/Pool
Mondo
URL abbreviato
11181

Secondo Atlantico in base agli ultimi sondaggi, la stragrande maggioranza dei francesi considera il presidente Emmanuel Macron "inefficiente", "arrogante", "ingiusto" e "lontano dal popolo".

Secondo l'interlocutore della pubblicazione, il poligologo Christoph Buten, una tale svolta nell'opinione pubblica è una conseguenza dell'incoerenza di Macron nei rapporti con la società e per la politica economica da lui perseguita, al servizio degli interessi dei ricchi.

Secondo un sondaggio condotto dal Centro Odoxa commissionato da Le Figaro e France Inter, la maggior parte dei francesi crede che il leader del loro paese Emmanuel Macron "sleale" (71%), "inefficiente" (65%), "arrogante" (84%), così come "Lontano dalle persone" (75%), riferisce Atlantico. Le ragioni di questa svolta nell'opinione pubblica, così come le probabili conseguenze di una tale percezione del leader dello stato, sono analizzate dal politologo e professore di diritto pubblico Christoph Boutin.

Emmanuel Macron è cambiato poco dal momento della sua campagna elettorale, ha assicurato Buten: all'inizio era "fiducioso e incline a dominare" fin dall'inizio, che vedeva come proprio compito la necessitò du dare ancora una volta al Presidente della Repubblica lo status di "governante" e ripristinare la "verticalità del potere".

E per i francesi, in questo desiderio di prendere il potere nelle loro mani e nello "stabilire la distanza" all'inizio ci prendevano un certo gusto, nota lo scienziato politico. Tuttavia, per un sovrano che vuole essere un simbolo di "potere superiore" in Francia, un paese con forti tradizioni egualitarie, la caduta dal piedistallo è inevitabile, l'esperto è convinto. "Improvvisamente, agli occhi di chi lo vede in televisione, la distanza si trasforma in arroganza, appare con il suo sorriso sprezzante, le parole cominciano a essere percepite come un insulto, e invece di rispetto viene rabbia" dice la fonte di Atlantico.

Oggi, il 74% degli intervistati francesi considera il leader della repubblica "il presidente dei ricchi". Lo criticano tantissimo nel suo governo "solitario e individuale". Perché l'atteggiamento nei confronti di Macron è cambiato? Secondo Bouten, la ragione è che dalla sua elezione il presidente francese ha "perso la legittimità" agli occhi del suo popolo. Primo, nel suo desiderio di stabilire una distanza è stato estremamente incoerente. I suoi "discorsi liberi e la sua concezione "schematica" della vita pubblica si potevano ancora accettare, ma il fatto che il "governatore" abbia organizzato un "party" al Palazzo dell'Eliseo con la partecipazione di artisti che si esibiscono sul serio, almeno, con canzoni "inappropriate" ha colpito l'immagine del leader dello stato. Inoltre, alcune delle iniziative Makron, come ad esempio l'installazione della piscina a Fort Breganson o campi da tennis presso il Palazzo dell'Eliseo, sono state percepite dai francesi come interessi personali e ingiustificate.

"La gente perdona quasi tutti i suoi eroi, compresi le loro buffonate e gli errori, a una condizione: se sono eroi" osserva l'analista, aggiungendo che non appena i vincitori iniziano a perdere, non vengono più perdonati. La politica perseguita da Macron, secondo i francesi è inefficiente e ingiusta, perché non ha lo scopo di risolvere i problemi prioritari per le persone, come l'immigrazione, la sicurezza, la minaccia della perdita dell'identità nazionale" è convinto Buten.

Invece, il presidente concentra i suoi sforzi sulla politica economica, che, secondo molti osservatori, opera principalmente nell'interesse di "una piccola percentuale di persone che possiedono capitale". In questo caso, il governatore francese, contando sulla legittimità, dovrebbe essere un alleato del popolo, se non nella lotta contro le classi privilegiate, almeno in uno sforzo per limitare le loro ambizioni. In questo modo i re francesi agirono, entrando in un'alleanza con le città contro i grandi signori feudali.

Se  Macron perderà del tutto il sostegno popolare, i rappresentanti del "sistema" che lo ha portato al potere dovranno cercare una via d'uscita che permetta di continuare la politica del "macronismo" in Francia, ritiene l'esperto. Secondo lui, ci sono due opzioni simili. Opzione uno: le forze politiche e finanziarie dietro Macron dovrà trovare un sostituto per lui, una figura politica con l'inclinazioni naturali da "principe", che rispetterebbe più rigorosamente i principi di centralizzazione del potere e che darebbe fiducia alla popolazione e che allo stesso tempo segua politiche sociali ed economiche abbastanza liberali. La seconda via d'uscita: Macron dovrà essere presentato nell'immagine del difensore dello status quo esistente, convincendo la società che eventuali cambiamenti porteranno al collasso. 

Correlati:

Ue, Macron: Accordo su centri migranti in Europa
Immigrazione, botta e risposta Salvini-Macron: oggi resa dei conti al vertice di Bruxelles
Macron favorevole a sanzioni contro Paesi UE che non accolgono migranti
Poroshenko ha invitato Macron in Ucraina
Tags:
politica interna, Sondaggio, politica interna, sondaggio, relazioni diplomatiche, Sondaggi, Emmanuel Macron, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik