23:05 23 Ottobre 2018
La bandiera di Cherán

Il potere al popolo: gli indigeni messicani si sono ribellati e hanno sconfitto i cartelli

© Foto : Francisco Cucue
Mondo
URL abbreviato
0 20

Nell’aprile del 2011 gli abitanti della municipalità messicana di Cherán si sono ribellati e hanno preso controllo della loro stessa città. Sputnik è entrato in contatto con i rappresentanti della Cherán indipendente per capire come la città stia vivendo sette anni dopo l’insurrezione.

La cittadina messicana di Cherán può essere definita una vera e propria oasi di pace in una regione dominata dalla corruzione e da livelli di criminalità incredibilmente alti. Nell'aprile del 2011 gli abitanti del luogo si sono ribellati al potere e hanno preso controllo della città. Sputnik Mundo è entrato in contatto con Pedro Chavez, capo dell'alto consiglio cittadino di Cherán, il quale ci ha raccontato com'è la situazione oggi nella città.

La municipalità messicana di Cherán
© Foto : Francisco Cucue
La municipalità messicana di Cherán

Tutto è cominciato il 15 aprile 2011 nella piccola cittadina di Cherán nello stato messicano del Michoacán, popolato prevalentemente dai P'urhépecha. Un gruppo di cittadine del posto, contrarie al disboscamento illegale delle zone circostanti, sono insorte contro gli abbattitori che ottenevano finanziamenti dai cartelli messicani.

Hanno sbarrato la strada principale sulla quale passavano i camion del legno e hanno preso in ostaggio alcuni abbattitori di alberi.

La protesta ha presto assunto le dimensioni di una grande insurrezione il cui culmine è stata la destituzione delle autorità locali e l'allontanamento dalla città delle forze dell'ordine sospettate di corruzione.

Gli abitanti di Cherán
© Foto : Francisco Cucue
Gli abitanti di Cherán

Sette anni dopo a Cherán i livelli di corruzione sono prossimi allo zero, ovvero in netta contrapposizione con le altre zone del Michoacán, ritenuto uno dei luoghi più pericolosi del Paese.

Il governo messicano riconosce ufficialmente l'autogoverno locale e lo considera come una comunità indigena autonoma. Cherán, a sua volta, vieta sul proprio territorio le attività di qualsiasi partito politico e si rifiuta di tenere le elezioni normalmente condotte dalle autorità messicane.

Elezioni

Come spiega a Sputnik il capo dell'alto consiglio di Cherán, Pedro Chavez, la città non partecipa alle elezioni, incluse quelle presidenziali tenutesi la scorsa domenica primo luglio. Questo è il risultato di un accordo fra gli organi dell'autogoverno locale e le autorità messicane.

"È stato un accordo chiaro: niente più partiti politici né sindaci né polizia locale o federale. Il loro posto è stato preso da un'organizzazione basata sullo stato di diritto, riconosciuto dalla Costituzione", ha dichiarato Chavez.

Questi ha aggiunto che quegli abitanti della città che manifestano l'interesse di prendere parte alle elezioni possono farlo nei vicini centri abitati dello stato.

Gli abitanti della municipalità messicana di Cherán
© Foto : Francisco Cucue
Gli abitanti della municipalità messicana di Cherán

Il sistema di potere

"Il nostro sistema di potere è orizzontale, è un sistema di democrazia diretta", ha dichiarato Chavez.

Il potere massimo della città è conferito all'Assemblea mentre l'organo massimo di rappresentanza è l'alto consiglio di gestione della municipalità il cui capo è Chavez. L'Assemblea è composta da tutti i rappresentanti comunali che sono organizzati in 189 "falò".

"I falò sono le componenti basilari del sistema di potere che rappresentano direttamente la volontà del popolo. Inizialmente i falò servivano per difendere il nostro stile di vita e la nostra comunità", ha dichiarato Chavez.

L'alto consiglio è composto da 12 persone: 3 per ognuno dei 4 quartieri di Cherán. Vi sono anche 8 consigli operativi e delle commissioni che si occupano delle questioni amministrative.

Alla municipalità messicana di Cherán
© Foto : Francisco Cucue
Alla municipalità messicana di Cherán

Istruzione, economia e difesa

Le autorità locali di Cherán si impegnano per salvaguardare la cultura indigena locale dei P'urhépecha e la lingua dei loro avi. Va notato che già ai bambini piccoli viene spiegato come funziona il sistema di autogoverno.

Nonostante la propria autonomia politica dall'autorità federali e dello stato, Cherán continua a percepire finanziamenti dal budget federale. Ma Chavez afferma che in questo non vi sono contraddizioni in quanto la cittadina "rientra nello stato del Michoacán e fa parte del Messico".

Le squadre locali incaricate della difesa di Cherán sono ben armate ed equipaggiate. Non è tanto importante come queste squadre si procurano le armi. Chavez ha assicurato che la città acquista le armi in modo conforme alla legge la quale permette la possessione collettiva delle armi.

  • Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    © Foto : Francisco Cucue
  • Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    © Foto : Francisco Cucue
  • Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    Le squadre incaricate della difesa di Cherán
    © Foto : Francisco Cucue
1 / 3
© Foto : Francisco Cucue
Le squadre incaricate della difesa di Cherán

Il capo dell'alto consiglio ha inoltre osservato che rappresentanti dell'esercito messicano visitano periodicamente la città per assicurarsi che le squadre di Cherán utilizzino solamente le armi consentite.

Un esempio significativo

Interrogato sull'appartenenza degli abitanti di Cherán, Chavez ha risposto che non si discute di queste cose. Stando alle sue parole gli abitanti sentono la loro appartenenza al popolo P'urhépecha ma allo stesso tempo sono anche parte della nazione messicana.

Chavez ha sottolineato che movimenti simili a quelli di Cherán che puntano all'autogoverno sono presenti anche in altre zone del Messico.

Alcuni di questi stanno facendo solo ora i primi piccoli passi verso l'autogoverno mentre altri hanno già raggiunto importanti traguardi nella stessa direzione.

"Tutto questo non è il risultato di un processo il cui avvio è stato dato a Cherán. È invece parte di una contrapposizione alle popolazioni indigene che dura, se non da centinaia, almeno da decine di anni. A Cherán questo processo si concretizza innanzitutto nella difesa dei nostri diritti", ha dichiarato Chavez. 

Correlati:

Perché l'attuale campagna elettorale in Messico è la più sanguinosa della storia
Canada, Messico, Giappone e UE insieme per reagire ai dazi USA
Financial Times: “Tillerson ha messo in guardia il Messico dall'ingerenza russa”
Tags:
Criminalità, governo, corruzione, vita, autonomia, Messico
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik