07:23 16 Ottobre 2018
Riscaldamento globale

Stabilite le cause del primo riscaldamento globale sulla Terra

CC0
Mondo
URL abbreviato
583

Il primo riscaldamento globale sulla Terra è stato causato dall'attività di antichi microrganismi, 500 milioni di anni fa, che hanno assorbito enormi riserve di sedimenti dai fondali oceanici; ciò ha portato ad un aumento della concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera e all'emergenza dell'effetto serra.

Questa conclusione è stata fatta dagli ecologisti britannici della Exeter University. Hanno studiato la struttura biologica del fondo dell'oceano, la cui età è di 520-540 milioni di anni, riporta RT.

I dati ottenuti sono stati inclusi nel modello matematico dell'evoluzione della vita terrestre. Di conseguenza, è stato riscontrato che i cambiamenti nella struttura dei sedimenti di fondo coincidono nel tempo con l'inizio dell'attività dei primi microrganismi.

Nel corso dell'evoluzione, i microrganismi "hanno elaborato scorte giganti organiche dal fondo dell'oceano", ha detto uno degli autori dello studio, il professor Tim Lenton della Exeter University.

Per questo motivo, il contenuto di ossigeno è diminuito e la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera è aumentata, il che ha portato al riscaldamento globale.

Gli scienziati hanno precedentemente scoperto che circa 500 milioni di anni fa sulla Terra iniziò il primo riscaldamento globale. Tuttavia, non è chiaro cosa abbia portato esattamente ai cambiamenti climatici.

Ora, i ricercatori credono che la prima generazione di creature viventi sul pianeta abbia distrutto le riserve organiche sul fondo dell'oceano, che si sono accumulate lì centinaia di milioni di anni.

Si noti che non tutti gli esseri viventi sono stati in grado di adattarsi ai cambiamenti. Ad esempio, a causa del riscaldamento nei prossimi 100 milioni di anni, gli animali si estinsero in modo massiccio, e in seguito apparvero nuove specie di organismi unicellulari e multicellulari.

Lenton sottolinea che "è possibile tracciare un interessante parallelo tra l'influenza dei primi esseri viventi e la gente moderna sui cambiamenti climatici". L'unica differenza qui è che "i microorganismi non conoscevano le conseguenze delle loro attività, a differenza delle persone".

A sua volta, un membro del Bureau Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC), il vice direttore dell'Istituto di Global Climate ed ecologia, Dottore in Scienze Fisiche e Matematiche Sergey Semenov ha detto rendendo giustizia ai risultati dei colleghi stranieri, che i microrganismi hanno ancora un impatto sul clima della Terra, anche se su scala ridotta.

Ad esempio, "tutti i processi che portano ad un aumento della quantità di gas serra (anidride carbonica, metano, protossido di azoto, ecc.) Nell'atmosfera" hanno una componente biologica. Il gas serra entra nell'atmosfera non solo a causa della combustione di combustibili fossili, ma a causa delle attività di piante e animali.

Semenov ha osservato che è possibile avvertire le conseguenze dell'attività degli organismi nei cambiamenti climatici solo dopo diverse decine di milioni di anni. In questo caso, le conseguenze della vita umana si fanno sentire molto più velocemente e causano più danni all'ambiente.

Lo scienziato ha detto che "a partire dall'inizio del XXI secolo la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera è in crescita ogni anno", e l'uomo dovrebbe convertirsi alle energie rinnovabili, rinunciando petrolio, gas e carbone, per fermare il processo di aumento dei livelli di gas serra nell'atmosfera.

"Ma non succederà presto. Nel prossimo futuro, le misure dei governi di diversi paesi mireranno a ridurre la quantità di emissioni di gas serra nell'atmosfera ", ha concluso Semenov.

Alla fine del XX secolo, i leader di 180 paesi hanno deciso di adottare misure volte a ridurre l'impatto del fattore antropogenico. Nell'ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, firmata nel 1992, gli Stati si sono impegnati a ridurre le emissioni di gas atmosferici.

Cinque anni dopo è apparso il Protocollo di Kyoto che integrava la Convenzione. Definisce gli standard di emissione per ogni singolo paese.

Tuttavia, i detentori di record per le emissioni, Stati Uniti e Cina, non hanno rispettato i termini dell'accordo.

Nel 2015, il Protocollo di Kyoto è stato sostituito dall'Accordo sul clima di Parigi, firmato da 197 paesi, tra cui la Russia. Sotto di esso, gli stati impegnati a ridurre le emissioni di gas serra, si rivolgono a tecnologie "verdi".

Tuttavia, nel 2017, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il ritiro di Washington da questo accordo.

Correlati:

Un nuovo tipo di plastica: gli scienziati potrebbero fermare il riscaldamento globale
Scienziati svelano un riscaldamento globale durato 100.000 anni
I turisti hanno dimostrato di essere gli sponsor del riscaldamento globale
Smartphone accusati di contribuire al riscaldamento globale
Tags:
Cambiamenti climatici, Accordi di Parigi, riscaldamento globale, Cambiamenti climatici, Protocollo di Kyoto, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik