14:55 18 Luglio 2018
Il mondo digitale

Al centro nucleare a Sarov sviluppato un computer unico

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
4141

Un supercomputer unico, che ha enormi vantaggi rispetto ai tradizionali computer, è stato sviluppato in Russia dal centro nucleare dell'istituto di ricerca di Fisica sperimentale (impresa della società statale Rosatom a Sarov).

Lo sviluppo è già stato brevettato, ha riferito a Sputnik il servizio dell'Istituto di fisica sperimentale. Si tratta del cosiddetto computer fotonico, il calcolo dei processi "è costruito" sull'interazione di impulsi laser, e non con componenti elettronici come nei normali computer, si compone di energia elettrica e di "luce" delle parti. Il codice primario, cioè un insieme di istruzioni, si traduce in impulsi laser. I quanti di luce, i fotoni, con le onde rientrano nel processore fotonico, dove avviene l'interazione di impulsi laser, lì si compiono operazioni logiche, con gli elettroni delle macchine. I raggi laser lasciano il processore e tornano alla parte elettronica del computer, dove l'informazione visiva viene riconvertita in energia elettrica e risulta accessibile all'utente. Come ha spiegato l'autore dello sviluppo del progetto, il ricercatore capo dell'Istituto di Fisica matematica Sergei Stepanenko, le macchine fotoniche di calcolo sono necessarie per la soluzione di problemi, che non hanno le semiconduttore" del supercomputer.

Secondo lui, l'applicazione di tecnologie fotoniche consente di decine o centinaia di migliaia di volte di ridurre la quantità di energia necessaria per ottenere la stessa prestazione con gli attuali computer. "Se per i super computer è necessaria una costruzione grande come un campo di calcio, una tale prestazione può essere raggiunta da questa macchina grande come una tazza, il calore residuo è di circa un centinaio di watt, è meno di una caldaia", ha spiegato Stepanenko.

Gli esperti di diversi paesi stavano cercando di creare una macchina di calcolo da tempo, ma fino ad ora  per vari motivi, non c'erano riusciti. All'istituto russo hanno proposto un nuovo schema di attuazione del principio di funzionamento del mezzo, grazie al quale, in particolare, si effettua la conversione quanto possibilmente minore tra la luce elettrica e le parti del computer, che richiedono molto tempo ed energia.

L'alta prestazione dei fotoni della macchina realizzata all'istituto è per il più impegnativo semiconduttore di calcolo della macchina, per le operazioni di moltiplicazione può arrivare fino a 50 flops e il picco di potenza di questo processore sarà solo di 100 watt (a confronto, le prestazioni dei moderni processori elettronici con la stessa capacità sono di 5 teraflops, cioè diecimila volte meno). In questo caso le prestazioni aumenteranno drasticamente, riducendo la lunghezza d'onda della luce.

Per quanto riguarda le specifiche attività, che si potrebbe risolvere con l'aiuto di mezzi fotonici, ci sono ad esempio, le attività per lo studio delle caratteristiche genetiche delle persone, importante per le applicazioni mediche.

Correlati:

Tecnologia, computer quantistici distruggeranno moneta Bitcoin
Scienziati inglesi e la Skoltech creano computer sulla base con “polvere magica”
Financial Times segnala aumento degli attacchi hacker contro i computer della UE
Tags:
Ricerca, computer, scoperta, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik