12:34 18 Luglio 2018
Vicepresidente USA Mike Pence

Cosmodromo USA in Brasile? La visita di Pence riaccende il dibattito su base di Alcantara

© REUTERS / David Swanson/The Philadelphia Inquirer
Mondo
URL abbreviato
0 03

La visita del vicepresidente americano Mike Pence in Brasile è durata dal 26 al 27 giugno. Uno degli argomenti all'ordine del giorno è stato quello di valutare la possibilità di Washington di sfruttare il cosmodromo di Alcantara (Centro de Lançamento de Alcântara) nello Stato di Maranhão, nel nord-est del Paese sudamericano.

L'ubicazione della base di Alcantara è considerata la migliore al mondo in termini di vantaggi strategici, assicurando risparmio di costi, tempi e carburante per il lancio dei missili, dal momento che si trova quasi all'equatore.

Nel 2001 si era già parlato di cooperazione con gli Stati Uniti, ma l'idea era stata bloccata dal Parlamento brasiliano per il fatto che le richieste degli Stati Uniti comportavano una perdita di sovranità: nella parte della base concessa agli Stati Uniti sarebbero state vietate le riprese e le fotografie, così come l'ingresso del personale brasiliano doveva essere controllato dalla parte americana.

Le trattative in corso stanno andando avanti nell'ombra e suscitano una serie di sospetti e proteste.

L'edizione brasiliana di Sputnik ha parlato con il deputato e presidente della sede del Partito dei Lavoratori di São Luís, capitale dello stato di Maranhão, Honorato Fernandes. Secondo il deputato, oppositore dichiarato dei negoziati sulla base, la visita di Pence fa parte della politica antinazionale dell'amministrazione Temer.

"Continua a distruggere le imprese brasiliane in ambito sociale, relativamente alla tutela dei diritti degli imprenditori e dei programmi sociali. Durante il suo mandato, lo ha fatto in diversi settori. Nel settore elettrico, che sta cercando di privatizzare, con tutti i mezzi, è una questione di sovranità. Un Paese che non vuole sentirsi di nuovo colonia lo capisce", ha detto il politico, aggiungendo che si può fare lo stesso discorso per le aste di vendita dei giacimenti petroliferi nell'Oceano Atlantico.

L'interlocutore di Sputnik crede anche che questo riavvicinamento con gli Stati Uniti rappresenti una minaccia per la sovranità brasiliana, dal momento che gli Stati Uniti sfruttano il periodo difficile che il Brasile sta attraversando.

"Ora la pressione è tornata ed è diventata ancora più forte, stiamo parlando di un accordo che sostanzialmente mette in discussione la nostra sovranità, la nostra indipendenza, il processo di sviluppo tecnologico nazionale; è la cessione di un settore all'interno dello Stato brasiliano che finirebbe sotto il controllo degli americani. A nostro avviso, è un duro colpo contro la sovranità del Brasile."

Commentando i negoziati sospesi nel 2011, il deputato ha notato che le condizioni non erano chiare.

"Questi legami non sono mai stati benefici. Le condizioni sono sempre state incomprensibili, spesso le trattative si svolgevano a porte chiuse. Da quando siamo venuti a conoscenza della loro attualità in un momento di crisi, proprio in questo periodo discutono questioni che influenzeranno negativamente la nostra sovranità", ha sottolineato Honorato Fernandes.

"Temer trascura un campo strategico per lo sviluppo tecnologico nazionale, non rispetta gli abitanti dello Stato, dal momento che le trattative avvengono senza discussioni, senza spiegazioni su quanto sta accadendo, e porta avanti le trattative che hanno un impatto negativo sul Paese", ha concluso l'interlocutore di Sputnik.

In una nota ufficiale sulla visita di Pence in Brasile, il governo brasiliano ha sottolineato ancora una volta il desiderio di raggiungere un accordo sull'uso commerciale della base di Alcantara.

"Avvicineremo l'agenzia spaziale del Brasile alla NASA. Continueremo i negoziati sul mantenimento della tecnologia per l'uso commerciale della base di Alcantara. Stiamo anche intensificando i nostri sforzi per lo sviluppo scientifico e tecnologico e la prosperità dei nostri popoli", si afferma nella dichiarazione.

Tags:
Tecnologia, Scienza e Tecnica, Spazio, Economia, Cosmodromo, NASA, Mike Pence, America Latina, Brasile, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik