06:46 17 Ottobre 2018
Estrazione del petrolio

Russia, i geofisici del MFTI sanno prevedere lo sviluppo delle faglie terrestri

© Sputnik . Boris Babanov
Mondo
URL abbreviato
0 30

Gli scienziati russi dell’Istituto di fisica e tecnologia di Mosca (MFTI) hanno creato un algoritmo che permetterà di creare modelli accurati di giacimenti di petrolio e gas, e prevedere lo sviluppo di crepe e faglie nelle viscere della Terra. Lo riporta Geophysical Prospecting.

"Ogni giro del progresso scientifico e tecnologico ha avuto inizio con la matematica… Il nostro approccio può essere estrapolata con l'equazione d'onda della meccanica quantistica, che potrebbe portare a una svolta nella comprensione della struttura della materia", ha detto Alena Favorskaya del MFTI.

Molti dei più grandi giacimenti petroliferi scoperti nell'ex URSS e nei paesi occidentali a metà del secolo scorso contengono enormi riserve di idrocarburi che sono diventati praticamente inaccessibili all'umanità a causa della strategia sbagliata per il loro sfruttamento. Spesso il liquido pompato da tali pozzi consiste quasi interamente di acqua piuttosto che di carburante, riducendo drasticamente la redditività di questi giacimenti.

Oggi gli scienziati stanno cercando di evitarlo creando vari algoritmi che analizzano i dati sismici e li usano per prevedere come cambierà il comportamento del giacimento quando gli idrocarburi verranno pompati fuori da esso. Oltre ad aumentare l'efficienza dei pozzi petroliferi, tali calcoli contribuiscono a ridurre al minimo le probabilità di causare una serie di terremoti, come accaduto negli Stati Uniti all'inizio del secolo scorso.

Come nota la Favorskaya, il problema è che le simulazioni dei depositi suggeriscono spesso che l'interno della Terra è omogeneo nella composizione e che non vi sono grosse fessure, crepe o micro caverne al loro interno. In realtà, ovviamente, non è quasi sempre così, il che riduce significativamente la precisione delle previsioni e non consente di studiare l'evoluzione di tali errori.

Gli scienziati russi hanno corretto questo difetto creando un modello matematico che permette di trovare tracce di tali crepe nei dati sismici. Questo modello permetterà ai geologi di creare formule per calcolare il comportamento delle onde sismiche durante il movimento attraverso la terra. Questo approccio non solo migliora l'accuratezza dei calcoli, ma consente anche di "impacchettare" i dati sismici, risparmiando spazio sul disco.

Algoritmi e risultati di calcolo simili sono di fondamentale importanza per lo sviluppo del sito di Bazhenov, il più grande giacimento di idrocarburi di scisti in Russia.    

Correlati:

Scienza, scoperta nuova epidemia pericolosa per l’uomo e veicolata dai cani
Scienza: il sesso in età avanzata aiuta a conservare la memoria
Scienza, trovati gli oggetti più antichi nell'universo
Tags:
idrocarburi, scienza, giacimento, Previsioni, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik