07:32 17 Ottobre 2018
Droga, papaveri da oppio in Afghanistan

Nemico del mio nemico: islamisti e signori della droga si uniscono contro l'UE

© AP Photo / Abdul Khaliq
Mondo
URL abbreviato
0 04

I jihadisti e i cartelli della droga in America Latina collaborano per garantire una fornitura ininterrotta di "morte bianca" in Europa, gli islamisti portano le merci di contrabbando nei paesi del Nord Africa e l'UE attraverso il territorio catturato nel Sahara. Gli affari vanno a gonfie vele grazie all'aumento della domanda di cocaina in Europa.

Gli estremisti dell'Islam e i fornitori di droga dall'America Latina sono tenuti insieme dagli interessi economici. Dopo la fine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno smesso di finanziare i gruppi jihadisti e quindi hanno dovuto trovare le proprie fonti di reddito. Nelle loro stime economiche, la vendita di sostanze psicoattive è rapidamente emersa. Sotto il dominio dei talebani negli anni '90, l'Afghanistan è diventato il maggiore esportatore mondiale di eroina.

Nelle regioni desertiche, dove né il papavero né la canapa crescono, gli islamisti si sono concentrati sulla logistica. In particolare, questo vale per il Sahara meridionale, Ciad, Mali e Niger. I seguaci di Bin Laden sono arrivati ​​lì prendendo il controllo, selezionando i corrieri e contribuendo a inviare la droga in Europa. Una specializzazione dei jihadisti è quella di coprire il business della droga. Di conseguenza, avevano bisogno di fornitori.

I partner sono stati trovati in Sud America. I sociologi hanno da tempo notato che i principali cartelli della droga nella regione, il messicano Los Zetas, il colombiano Joumaa e il Paraguaiano El Baracat, nella loro struttura assomigliano ai gruppi islamici. Entrambi sono costruiti attorno a "personalità forti", praticano la reciproca responsabilità e usano immagini di morte tratte dalla religione. Dopo essersi interessati, gli islamisti hanno trovato un altro punto di contatto: la diaspora araba nel Nuovo Mondo. Attraverso i suoi canali si sono stati stabiliti i contatti negli anni '90.

Nei rapporti commerciali tra i cartelli della droga sudamericani e i jihadisti la risorsa principale è la terra. Per attirare i fornitori, è necessario per mostrare loro il territorio in cui non ci siano leggi diverse da quelle indicate "business partner". L'instabilità nel mondo islamico ha permesso ai sostenitori della jihad di creare un punto d'appoggio in Nord Africa, ad esempio il territorio del Mali sta attraversando un lungo periodo di disordini interni.

La cooperazione dei jihadisti con i cartelli della droga si è sviluppata rapidamente. Gli aerei privati ​​della costa sudamericana dell'Atlantico si dirigono ora verso il Mali. La droga viene liberamente paracadutata nel Sahara e portata alle reti islamiste nel Mar Mediterraneo.

Lo schema è stato scopertp accidentalmente a seguito di un incidente aereo. Un aereo del cartello della droga colombiano si è schiantato in Mali in un sito controllato dagli islamisti, dove il radar non è stato installato per scopi di cospirazione. Lo stato di emergenza ha attirato l'attenzione delle autorità. L'inchiesta ha rivelato che un aereo diretto verso un luogo sconosciuto trasportava cocaina.

I calcoli più semplici mostrano che le entrate dei jihadisti del Sahara dalla vendita di droghe sono colossali. Il prezzo per dose presso il sito di produzione in Sud America spesso non supera un dollaro. Dopo il trasporto, il costo della "morte bianca" aumenta di decine di volte. Il fatturato del traffico di droga supera i budget della maggior parte dei paesi del sud del Sahara, attraverso i quali passa il traffico. Non sorprende che le autorità non siano in grado di fermare gli affari criminali.

Non c'è motivo di sperare nell'indignazione dei residenti locali, il cui sostegno agli agenti per la droga è comprato per una valuta forte. Per coloro che non sostengono l'attivita, viene inventata una risposta che si adatta alla logica della legge religiosa. I sostenitori di Al-Qaeda, ISIS e altri gruppi dichiarano i proventi del business della droga come "donazioni". La vendita di droghe non corrisponde ai valori della fede, ma nessuno proibisce l'elemosina dal pentirsi dei peccatori.

Contribuire al traffico di droga è anche un atteggiamento negativo nei confronti dell'Occidente nei paesi del sud del Sahara. Le droghe, come è noto al locale, vanno agli infedeli, il cui stile di vita consente l'uso di sostanze psicoattive. La sofferenza causata dalla dipendenza è percepita dalla popolazione religiosa come punizione per peccati.

Dal 2013, le potenze occidentali stanno cercando di prendere il controllo delle teste di ponte islamiche ai confini dell'Africa settentrionale e occidentale. La Francia ha condotto operazioni militari nella regione con i nomi in codice Serval e Barhan. Parte del territorio controllato dagli islamisti è stato liberare. Ma è impossibile imporre la legge e l'ordine nel deserto, anche con l'aiuto delle moderne tecnologie: non ci sono abbastanza risorse umane. Il fallimento è indicato dalle statistiche criminali. Il traffico di droga dal Sud America verso l'Europa attraverso l'Africa non sta diminuendo.

"Il problema sta nella crescita della domanda europea di "morte bianca". La domanda è aumentata in misura significativa e a causa della creazione di un mercato molto grande nella parte occidentale della UE, soprattutto per quanto riguarda la cocaina. La situazione è aggravata dalle difficoltà sul continente nero. Undici dei paesi dell'Africa occidentale, tra cui la Guinea Bissau, sono estremamente deboli e i cartelli della droga li manipolano facilmente ", ha dichiarato il professor Bruce Bagli dell'Università di Miami.

La tolleranza alle droghe porta al rafforzamento dei gruppi jihadisti nel sud del paese.

Correlati:

In Afghanistan tira solo la droga
Guerra alla droga: la Russia addestra la polizia del Nicaragua
Regione di Mosca: in 9 mesi sequestrati più di 500kg di droga
Ministero Interni: soppresso grande canale di traffico di droga dall'Europa alla Russia
Tags:
Cocaina, Droga, cocaina, droga, Truffe per finanziare jihad, jihad, ISIS, Cartello, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik