15:11 17 Luglio 2018
Fukushima

Esperto commenta possibile chiusura della centrale nucleare Fukushima 2

© AP Photo / Pablo M. Diez/Pool
Mondo
URL abbreviato
0 11

Mikhail Rylov, esperto di sicurezza nucleare, in un’intervista a Sputnik ha commentato la potenziale chiusura della centrale nucleare giapponese Fukushima 2.

Dopo Fukushima 1 potrebbe essere chiusa anche la centrale nucleare Fukushima 2, anch'essa colpita dal terremoto e tsunami del 2011 ma, malgrado la messa in sicurezza, da allora non ha mai ripreso a funzionare. I media giapponesi sostengono che un passo così radicale è dettato dalla salvaguardia degli abitanti della prefettura, nonché dai potenziali rischi associati ai disastri naturali a cui sono soggetti con un certa frequenza le isole giapponesi.

"Penso si tratti anzitutto di una questione di business… Riavviare l'impianto dopo anni di inattività è problematico e richiede tempo. Con ogni probabilità, vista la condizione tecnica dei reattori, nel giro di pochi anni dopo il riavvio dovranno essere rinnovati. Questa è un'attività molto costosa, che richiede notevoli costi intellettuali e materiali. Bisogna anche tenere conto delle questioni relative alle infrastrutture, alla logistica, ai potenziali disastri naturali, al personale altamente qualificato, ecc. Questi, come le altre centrali nucleari in Giappone, sono torturati dai controlli dopo l'incidente a Fukushima 1. I controlli continueranno e i requisiti di sicurezza saranno sempre più severi. Ci sono anche le perdite di immagine. Così, forse, la loro decisione di chiudere la centrale è ottimale nella situazione attuale", ha detto l'esperto.

Egli ha sottolineato che la chiusura di una centrale nucleare è anche un affare difficile e a lungo termine, in quanto il totale smantellamento della struttura e la bonifica del territorio richiederà diverse decine di anni. 

"Il completo smantellamento delle strutture del reattore, degli edifici, così come lo smaltimento dei rifiuti radioattivi fino alla completa eliminazione di tutte le tracce di attività nucleare richiede più di una decina di anni", ha spiegato Rylov.

Proprio di recente è stato riavviato il reattore numero 4 della centrale nucleare di Genkan, nella prefettura di Saga, dopo un controllo che ha soddisfatto tutti i requisiti introdotti dopo l'incidente di Fukushima. Si tratta del nono reattore nucleare riavviato dopo l'entrata in vigore dei nuovi e più rigorosi requisiti. Contro la ripresa del funzionamento del reattore si sono tenute delle proteste a Genkan, per chiederne lo spegnimento e la modifica della politica energetica nazionale.    

Correlati:

Giappone: riavviato reattore dopo l'incidente alla centrale nucleare Fukushima-1
Giappone, trovate nuove microparticelle radioattive nella zona di Fukushima
Rosatom studierà il nucleo fuso del reattore di Fukushima
Tags:
centrale nucleare, chiusura, esperto, Fukushima, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik