19:48 14 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
3611
Seguici su

Gli scienziati dell'università Goldsmith di Londra hanno scoperto che la maggior parte degli incontri con i fantasmi di amici o parenti deceduti si verifica in sogno o dopo un brusco risveglio. Lo riporta The Conversation.

Secondo gli esperti, la maggior parte dei fantasmi, degli alieni o dei mostri sotto il letto tendono ad importunare le persone che si sono sottoposte ad un carico di lavoro eccessivo. Un'altra causa di visioni di spettri o affini potrebbe essere la cosiddetta paralisi del sonno — il confine tra il sonno e la veglia.

Un'altra spiegazione per le visioni inquietanti è la "sindrome della testa che esplode", le cui natura e meccanica rimangono ancora un mistero. In base ad alcuni studi, il confine tra sonno e veglia in qualche modo riordina l'attività del cervello, provocando allucinazioni visive e uditive.    

Correlati:

Scienza, scoperta nuova epidemia pericolosa per l’uomo e veicolata dai cani
Scienza: il sesso in età avanzata aiuta a conservare la memoria
Scienza, trovati gli oggetti più antichi nell'universo
Tags:
fantasmi, cervello, Scoperta, scienza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook