08:06 23 Ottobre 2018
Bandiera della Macedonia

Cittadini furiosi in “Macedonia del Nord dei Balcani Occidentali nel Sud-est d’Europa”

© REUTERS / Marko Djurica
Mondo
URL abbreviato
561

Dopo che il presidente della Macedonia George Ivanov ha rifiutato di firmare l'accordo sul nuovo nome della Macedonia, “Repubblica della Macedonia del nord”, stipulato da premier e i ministri della Macedonia e della Grecia, Zaev e Alexis Tsipras, a Skopje sono iniziate le proteste di massa.

Secondo i dati ufficiali, hanno partecipato circa 20.000 persone e 36 manifestanti sono stati arrestati. Anche in  Grecia le condizioni del contratto causano sempre più crescente resistenza, la posizione di Tsipras diventa traballante: l'opposizione richiede di portare la questione al voto di fiducia, la posizione del primo ministro della Grecia riguardo la questione non trova partner nemmeno nella coalizione.

Il leader del partito Anel e ministro della difesa, Panos Kammenos ha detto che i deputati del suo partito, senza i quali Tsipras non avrà una maggioranza parlamentare, non voteranno a favore. In relazione alla questione per rinominare la Macedonia è già scoppiato uno scandalo diplomatico con la partecipazione della Bulgaria: il primo ministro del paese Boyko Borisov ha rifiutato un incontro con Ivanov a causa della sua posizione su questo tema.

La situazione a Spuntik l'ha commentato il redattore della tv АLFA  Ljupco Cvetanovski. Secondo lui, il problema principale per la Macedonia è il fatto che il contratto comporta la modifica della Costituzione e l'applicazione di un nuovo nome, ergo omnes, cioè, non solo sulla scena internazionale, ma anche all'interno del paese. L'esperto dice: "tutte le nostre istituzioni devono diventare nord-macedoni. Avremo la filarmonica nord-macedone! E come si chiamerà la città Brod-macedone e Macedonia-Kamenica? Dovranno cambiare anche le targhe. Tutta la Macedonia è arrabbiata".

Ha detto a Spuntik che è convinto che non ci saranno compromessi e la parte macedone non si arrenderà. "Questo non è un compromesso, è un dettame greco, il nostro governo sta verificando la pressione dall'esterno, è al potere, senza aver vinto le elezioni, solo per eseguire questa operazione. E ora gli stranieri, e il premier Zaev affermano quanto bello sia l'accordo" ha detto.

Sull'insoddisfazione dei cittadini della Macedonia dice che "le proteste non diventano ancora più massive a causa della detenzione dei partecipanti. Ma nonostante la paura di essere arrestati, ieri c'erano circa 20.000 persone, ha organizzato le proteste l'associazione locale dei tifosi Komiti. Provate a immaginare quante persone  ci sarebbero in strada, se l'organizzazione fosse stata di un partito politico?"

La reazione della Grecia la commenta così: "è normale che ora i greci devono trovare qualche lato negativo in questo contratto, perché hanno dovuto cedere qualcosa. Ma il malcontento dei greci, prima di tutto, è il prodotto di un nazionalismo greco, con il quale abbiamo problemi di relazione da secoli".

L'esperto spiega che l'unica cosa accettabile per la Macedonia sarebbe quella di salvare il vecchio titolo per le azioni interne, questo consente di evitare cambiamenti nella Costituzione del paese. Tuttavia, a giudicare dalla reazione della Grecia, uno scenario del genere è infinitamente lontano da ciò che ritiene accettabile la seconda parte del conflitto.

Rinominare il paese ha suscitato una forte reazione dei macedoni in tutto il mondo. Alcuni esempi sono nei commenti ironici: 

"Macedonia del Nord, è un paese dei Balcani Occidentali nel Sud-est d'Europa"

— Come ti chiami?

— Donka.

— E ' il diminutivo di che cosa?

— Macedonia del Nord.

"Il nuovo nome della Macedonia è accolto dall'Irlanda del Nord, la Corea del Nord, Carolina del Nord".

Correlati:

Grecia, Tsipras ribadisce richiesta di cambiare la costituzione della Macedonia
La NATO promette di difendere la Macedonia “dall'aggressione russa”
Premier Macedonia sceglie nuovo nome costituzionale del paese
Tags:
accordi, accordo, Macedonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik