12:53 15 Agosto 2018
Portaerei USA Harry S. Truman nel Golfo di Oman

Duma commenta dispiegamento portaerei USA in Mediterraneo

© AP Photo / Mass Communication Specialist 3rd Class J. M. Tolbert
Mondo
URL abbreviato
6250

Non si può escludere che gli USA si stiano preparando ad un altro attacco in Siria dal Mediterraneo, la Russia deve restare in guardia, ha dichiarato il capo del comitato della Duma per la difesa Vladimir Shamanov.

Il gruppo di attacco della Marina degli Stati Uniti, guidato dalla portaerei nucleare Truman, è entrato nella regione orientale del Mediterraneo domenica per partecipare di nuovo ad una operazione contro lo Stato Islamico in Siria e Iraq.

"Come militare, posso dire che non si può escludere", ha detto Shamanov a Sputnik, rispondendo alla domanda se gli Stati Uniti si stanno preparando per un nuovo attacco alla Siria.

Il politico ha sottolineato che non vede nulla di buono in questo, mentre la Russia "deve restare in guardia, con il suo gruppo, anche se piccolo, in Siriam, questo è già inequivocabile".

"Nessuno può vietare a loro di farlo, e la Russia non può fare nulla in questi termini, ma allo stesso tempo, le dimostrazioni di forza in questa regione porteranno solo ad un'escalation della situazione.In generale, tutte queste azioni sono contraddittorie, sia nella penisola coreana che nelle regioni irachena e siriana. Continuiamo a chiedere domande, per quale motivo si fa tutto questo. Da un lato, si siedono con i coreani al tavolo delle trattative, in un altro luogo mostrano i muscoli", ha detto il deputato.

 

Correlati:

Siria, 18 profughi uccisi in bombardamento della coalizione
Comandante della Marina russa parla del futuro del gruppo navale nel Mediterraneo
Navi flotta russa armate con missili Kalibr dispiegate nel Mediterraneo
Daily Star: Mosca ha iniziato a ripristinare l'equilibrio delle forze nel Mediterraneo
Tags:
dispiegamento delle armi, Portaerei, portaerei, Dispiegamento forze, Dispiegamento armi in Europa, Duma, Vladimir Shamanov, Mar mediterraneo, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik