11:02 20 Giugno 2018
Lionel Messi

Giornalista argentino: partita Israele-Argentina prova legami calcio-politica

© AP Photo / Victor R. Caivano
Mondo
URL abbreviato
481

Husni Abdel Waheben, ambasciatore palestinese a Buenos Aires, ha affermato che, se l’Argentina giocherà la partita prevista per il 9 giugno a Gerusalemme, la squadra sarà complice di Israele per la violazione dei diritti umani e l'occupazione dei territori.

Il giornalista sportivo argentino Ezequiel Fernández Moores in un'intervista a Sputnik Mundo ha spiegato che qualsiasi evento sportivo ha riflessi nella sfera politica.

"È impossibile immaginare che un hobby così popolare come il calcio non sia soggetto alla politica. C'è un'ovvia intenzione da parte di Israele di tenere una partita in onore del suo settantesimo compleanno", ha detto Moores.

Il giornalista ha sottolineato il ruolo della recente decisione degli Stati Uniti di spostare la propria ambasciata.

"La nazionale argentina ha giocato già in passato in Israele. Il problema è che questa partita si disputerà a Gerusalemme. In questo  oltre alle implicazioni politiche ci sono pure quelle economiche: per questa partita Israele pagherà oltre due milioni di dollari e coprirà i costi di trasferta", ha affermato Moores.

Secondo lui, in questo contesto la figura di Messi è particolarmente importante. 

"Quando il Barcelona e il Real Madrid giocano, la Palestina si paralizza. Messi non è solo un giocatore, quindi è chiaro che viene usato come simbolo per convincere a giocare una partita amichevole", ha concluso Moores.

In precedenza, il capo della Federazione calcistica della Palestina Jibril Rajub ha chiesto a Lionel Messi di non partecipare alla partita contro la nazionale israeliana. Egli ha anche chiesto ai tifosi musulmani di bruciare i poster e le maglie di Messi se scenderà in campo.    

Correlati:

Bloomberg: Israele cerca di mettere in conflitto la Russia e l'Iran in Siria
Esperto: Israele sta cercando di minare le relazioni USA-Turchia
Israele accetta di collocare truppe siriane al confine
Tags:
provocazione, politica, calcio, Lionel Messi, Israele, Argentina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik