00:57 19 Giugno 2018
Palazzo del governo a Kiev

Cosa ha guadagnato l'Ucraina dalla vendita dei suoi segreti militari alla Corea del Nord?

© Fotolia / Dmytro Potapchuk
Mondo
URL abbreviato
2100

Un analista ha raccontato a Sputnik dove sono stati diretti i fondi ottenuti dall'Ucraina dalla vendita della sua tecnologia missilistica alla Corea del Nord.

Le notizie sul fatto che la tecnologia missilistica ucraina possa essere stata trasferita alla Corea del Nord sono apparse nei media nell'agosto 2017. Allora si sosteneva che i propulsori dei missili nordcoreani potevano essere prodotti dalla società ucraina Yuzhmash. L'esperto del complesso militare-industriale Alexey Leonkov ha condiviso con Sputnik i dettagli della cooperazione segreta tra Kiev e Pyongyang.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, diversi uffici di progettazione ucraini, compreso Yuzhnoe, erano alla ricerca di opportunità per partecipare a vari progetti internazionali: questo ha portato alla cooperazione tra Kiev e Pyongyang nel campo missilistico.

Il fatto della cooperazione tra l'Ucraina e la Corea del Nord è stato rivelato dai servizi segreti statunitensi, mentre cercavano di scoprire cosa Kim Jong-un facesse con i missili. Inaspettatamente hanno scoperto che "un Paese da sempre considerato arretrato e povero" in realtà disponde di poligoni per i test dei propulsori missilistici, ricorda l'interlocutore dell'agenzia.

Secondo le immagini immortalate dai satelliti spia, gli Stati Uniti hanno concluso che questi motori erano molto simili a quelli sviluppati dall'ufficio di progettazione Yuzhnoe e prodotti dall'impresa Yuzhmash.

Di conseguenza, la Corea del Nord ha ricevuto i propulsorsi missilistici e la tecnologia di conservazione dei propellenti nelle capsule, cosa che permette di non ririfornire il razzo prima di ogni start.

"Un fatto poco noto è che la Corea del Nord offriva ai tecnici ucraini un regime senza visto, volavano in Corea del Nord con voli diretti o charter senza alcun documento", — ha aggiunto.

Secondo l'analista, la cooperazione è durata circa 15 anni e veniva coperta dai servizi segreti ucraini.

Leonkov ritiene che questa politica abbia dato i suoi frutti.

"Penso che l'Ucraina abbia ottenuto qualcosa, in particolare denaro. E' ovvio che ha fatto questo per la Corea del Nord non gratuitamente," — ha spiegato.

Secondo l'analista, proprio questa cooperazione ha fatto fare il salto di qualità alla Corea del Nord nello sviluppo del suo programma missilistico, tuttavia i fondi che Kiev avrebbe ricevuto da Pyongyang non sono stati utilizzati per lo sviluppo dei missili ucraini.

"Il merito dell'Ucraina in questo campo è inequivocabile. Si è impegnata per ottenere fondi, ma dove sia finito questo denaro non si sa. Molto probabilmente i soldi sono stati assorbiti dalle èlite politiche, ma l'industria missilistica ucraina non ha ottenuto nulla," — ha detto Leonkov.

"Ora, però, questa collaborazione diventa marginale, perché nessuno esprime gratitudine, tranne i nordcoreani. Anche per questo gli ucraini hanno perso l'opportunità di entrare nel mercato aerospaziale internazionale", — ha concluso Leonkov.

Tags:
Cooperazione, Difesa, Sicurezza, Tecnologia, missile balistico, Ucraina, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik