07:28 17 Dicembre 2018
Wikipedia

Wikipedia è controllata da una sorta di Transatlantifа?

© flickr.com / Giulia Forsythe
Mondo
URL abbreviato
4123

Vi si può definire critici della NATO o amici della Russia? Allora potreste facilmente finire nel campo di azione degli infaticabili redattori di Wikipedia. Se scrivete qualcosa riguardo a Sputnik, non aspettatevi niente di buono.

Markus Fiedler e Dirk Pohlmann su un canale YouTube in un loro vlog intitolato Wikipedia — Geschichten aus Wikihausen (Wikipedia, la storia di Wikihaus) raccontano la "guerra redattoriale" sulla più grande enciclopedia online al mondo.

I tedeschi credono ai propri mezzi di informazione sempre di meno e non si può dire che non c'era da aspettarselo. Ma da quali fonti gli utenti curiosi oggi possono ricevere nel modo più semplice informazioni dettagliate su ciò che interessa loro? Il compagno Google spesso indica proprio Wikipedia come primo link.

E perché no? Alla fine è un'"enciclopedia libera" su cui ogni utente può scrivere e portare il proprio contributo in termini di sapere sulla vita di qualche scoiattolo o sulle regole del curling o sull'albero genealogico della famiglia reale inglese. In pratica non c'è nessun tema a cui Wikipedia non abbia dedicato una voce. Persino i giornalisti per prima cosa si rivolgono proprio a questo sito per prepararsi a un'intervista e raccogliere informazioni sul loro interlocutore.

"Se hanno un'intervista con una persona, danno un'occhiata a Wikipedia per sapere chi è quella persona. Se c'è scritto che è un "antisemita e sostenitore della teoria del complotto", cosa che spesso la gente scrive di persone che non gradisce, allora di solito i giornalisti non fanno a gara per avere quell'intervista. In altri termini, su Wikipedia è piuttosto diffusa una "sfumatura" di una data personalità pubblica che dipende dagli autori del sito stesso", ha affermato Dirk Pohlmann, giornalista e uno degli autori del blog. "E questo è uno strumento piuttosto efficace".

Ma chi sono i redattori di Wikipedia? E quali sono le persone e i temi che non gradiscono? A queste domande Dirk Pohlmann e il regista Markus Fiedler hanno risposto nel loro video Wikipedia — Geschichten aus Wikihausen. Gli autori sono giunti alla conclusione che su Wikipedia imperversa una vera e propria "guerra redattoriale": infatti negli articoli del sito vengono sistematicamente inserite correzioni di ogni tipo affinché le voci corrispondano a una determinata posizione.

Cosa si intende con voci "scomode"?

Di norma i redattori non possono inserire voci di geopolitica, spiega Fiedler. Le voci di questo tema sono sottoposte a rimaneggiamenti di ogni tipo la maggior parte delle volte.

"Così in pratica date la vostra opinione sulla NATO o, poniamo, su operazioni segrete in qualche modo connesse con la NATO. O vi pronunciate sui mass media tedeschi (in particolare le riviste Spiegel o Stern o il giornale Zeit) che sostengono che in Siria c'è una guerra civile, mentre voi scrivete che è meglio parlare di una "guerra mediata" che gli USA, l'Arabia Saudita e Israele stanno conducendo in Siria. In tal caso avrete buone probabilità di avere delle grane con Wikipedia sebbene le informazioni da voi riportate siano veritiere".

A titolo di esempio si possono citare nella comunità germanofona su Internet lo storico svizzero Daniele Ganser o l'ex corrispondente tedesca del canale televisivo ARD Gabriele Krone-Schmalz. Ma anche nella versione anglofona di Wikipedia gli "articoli scomodi" vengono redatti senza sosta. Dirk Pohlmann ha indicato a tal proposito l'ex ambasciatore della Gran Bretagna Craig Murray i cui articoli vengono sistematicamente rivisti dal redattore di Wikipedia che si firma con lo pseudonimo di Philip Cross. Tra l'altro Murray è una delle fonti più importanti per riuscire a far luce sul caso Skripal.

La redazione

Ma quindi chi corregge le pagine di Wikipedia? Durante la loro ricerca Fiedler e Pohlmann hanno identificato un intero gruppo di redattori più "zelanti". In totale sono circa 200 persone che danno a Wikipedia l'aspetto "appropriato".

"Abbiamo già spiegato che vi è un circolo interno di rimaneggiatori. Li abbiamo chiamati "membri del Transatl-antifа". Cioè non è l'antifa, ma persone che descrivono le tesi dei neoconservatori americani, ovvero dei radicali di destra. In questo gruppo collocherei personalità come JosFritz, Karl V, Kopilot, Phi, Schwarze Feder, Feliks e altri. Se vedrete uno di loro nella cronologia, non ci sono dubbi che la data voce è stata modificata da lui".

Alcuni di questi redattori sono anche scrittori da due soldi che non fanno altro che modificare le pagine di Wikipedia, ha affermato il videoblogger.

"Prendiamo, ad esempio, il redattore Kopilot. Sappiamo persino chi è: un certo Gerhard Sattler che vive nei pressi di Osnabrück. Tal Gerhard Sattler per cinque anni ha preso parte alla redazione di circa 50000 pagine di Wikipedia. Sono 39 voci in media. Scrive a Natale, scrive a Pasqua. Questo tipo scrive di notte mentre voi dormite".

Secondo gli autori del vlog le voci scritte da questi lavoratori notturni o da persone di parte possono essere cancellate letteralmente nel giro di pochi minuti. Gli autori troppo amatoriali possono essere indicati come vandali e bloccati. Solo a gennaio 2018 sono state eliminate 500 persone dagli autori di Wikipedia, ha affermato Fiedler.

"Una struttura che permette simili rimaneggiamenti è tale da trasformare in realtà il proverbio "fare il lupo pecoraio". Cioè le persone che decidono di mantenere sul sito una voce sono le stesse che si occupano anche dei rimaneggiamenti. Sono giudici e attori allo stesso tempo", ha aggiunto Pohlmann.

Sputnik nel bel mezzo di questa "guerra redattoriale"

"Quando pubblicate qualcosa su Wikipedia dovete portare delle prove e utilizzare fonti attendibili. Ma a decidere quali fonti lo siano e quali no sono queste 200 persone di cui ho parlato. Sputnik non ritiene una fonte affidabile siti come heise.de o nachdenken.de mentre si fida di testate come Spiegel, Stern e Zeit" ha continuato Markus Flieder.

La voce tedesca di Wikipedia dedicata a Sputnik non si può di certo definire lusinghiera e non vi sono dubbi sull'opinione che di Sputnik hanno gli autori della voce. Dopo una breve introduzione sulla data di fondazione e sulla sede dell'agenzia di stampa l'articolo è interamente dedicato a chi critica Sputnik e perché. Inoltre vengono impiegati termini come "guerra d'informazione", "propaganda", "orientamento di estrema destra e ostilità verso gli stranieri". A mo' di esempio viene riportato il famigerato caso di Lisa, la bambina di origini russe scomparsa a Berlino.

Se si osserva la cronologia è possibile capirci qualcosa in più: la voce è stata scritta il 31 dicembre 2014 dall'utente Kolja 21 ed era composta da 5 righe che forniscono informazioni generali su Sputnik. In seguito la voce è stata ampliata con circa 500 righe.

"Poniamo che la voce su di voi venga rimaneggiata da Phi e Feliks. Quando vedo loro due so già che l'articolo non è serio. Ad esempio Feliks il 17 gennaio 2018 alle ore 10:45 ha scritto: "Nei risultati della ricerca pubblicati nell'agosto del 2016 dal Centro indipendente americano di politica europea e di analisi l'influenza di Sputnik in Europa orientale e centrale può essere considerata unilaterale e ostile nei confronti del mainstream".

Feliks ha aggiunto la parola "indipendente". Cioè Feliks ritiene che questo Centro di politica europea e di analisi sia indipendente."

Inoltre, un'analisi più attenta può evidenziare che della direzione di questo Centro di politica europea e di analisi fanno parte l'ex segretario di stato USA Madeleine Albright e l'ex consigliere del presidente USA Zbigniew Brzezinski, scomparso di recente. E fra gli sponsor del Centro vi sono compagnie del settore dell'industria militare come Bell Helicopters, Boeing, Chevron, Lockheed Martin, afferma Fiedler.

"È anche interessante il fatto che nella voce ci sia un paragrafo dedicato alla critica rivolta alle testate giornalistiche russe: "Il CEPA è descritto dai media federali russi (in particolare da Russia Today e da Sputnik) come una lobby antirussa e finanziata dall'esercito". Ma io non posso far altro che concordare con la valutazione di Sputnik!"

Wikipedia segue le tracce

Markus Fiedler e Dirk Pohlmann sono decisi a continuare il proprio lavoro. Secondo loro è un bene che le prove si trovino facilmente su Wikipedia stessa.

"Così possiamo dimostrare che determinate persone si accordano tra di loro. Cercheremo di dimostrarlo portando esempi concreti in modo da non essere accusati di diffondere teorie del complotto come accade oggi in casi simili", ha affermato Dirk Pohlmann. 

Correlati:

Russia, Wikipedia rimossa dalla lista nera
Russia: ricetta per preparare stupefacenti, Wikipedia rischia oscuramento
Tags:
propaganda, Video, Informazione, Sputnik, NATO, Google, Wikipedia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik