19:16 21 Settembre 2018
GazpromL'amministratore delegato di Gazprom Alexey Miller, insieme all'ex tecnico dello Zenit Luciano Spalletti

Kiev vuole aumentare le tariffe per il transito del gas, hanno riferito i media

© Sputnik . Ilya Pitaliov © Sputnik .
1 / 2
Mondo
URL abbreviato
7014

Naftogaz è disposta a mantenere la tariffa di transito del gas russo attraverso l'Ucraina negli anni 2020-2028 al livello attuale.

Per questo Gazprom deve essere d'accordo per il pompaggio di 110 miliardi di metri cubi di gas all'anno e per il tasso di crescita, per gli anni 2018-2019, di un terzo, cumulativamente per 2,3 miliardi di dollari. Di questo ha scritto il Kommersant. Secondo le fonti del giornale, tali proposte il direttore commerciale di Naftogaz Yuri Vitrenkonko le ha inviate al vice presidente del consiglio di amministrazione Gazprom, Alexander Medvedev, durante le vacanze di maggio. Naftogaz offre una serie di opzioni. Nel primo caso si presuppone che Gazprom in maniera indipendente riserverà il sistema di trasporto del gas all'Ucraina. Allora la legge applicabile al contratto sarà ucraina, come sostiene Kiev, per armonizzarla con impianti di produzione di energia secondo la legislazione dell'Unione Europea.


La seconda opzione prevede la vendita di combustibile blu a Naftogaz sul confine orientale dell'Ucraina e acquisto all'ovest. Allora il pagamento per il transito sarà a margine delle offerte, il diritto per il contratto sarà svedese.


La controversia su tariffe e pompaggio
 
Le attuali tariffe per il pompaggio di Naftogaz le ritengono sottostimate e insistono sul loro aumento già nell'ambito del vigente contratto. La notifica della società ucraina è stata inviata a Gazprom il 13 marzo. Se l'accordo non riesce, Kiev è in procinto di ricorrere all'arbitrato. Naftogaz si riferisce al fatto che Gazprom in conformità con la decisione dell'arbitrato nel 2018-2019  pomperà attraverso l'Ucraina non meno di 110 miliardi di metri cubi. Ciò porterebbe  a Naftogaz 2,55 miliardi di dollari ogni anno, ma ne richiedono 3,7 miliardi, le tariffe dovrebbero aumentare di circa il 33 per cento.
 
Dopo il 2019 la società ucraina è d'accordo sui 2,7 miliardi di dollari all'anno, ma a condizione che il transito rimarrà di 110 miliardi di metri cubi.
Gli ucraini potranno trasferire elevati pagamenti per il 2018-2019 negli anni 2020-2028 anni. Poi, nei prossimi due anni il tasso non cambierà, quindi il pagamento medio sarò pari a 3,2 miliardi di dollari.


Gazprom non solo non ha intenzione di pompare 110 miliardi di metri cubi all'anno, ma ha anche l'intenzione di ridurre il transito fino a 10-15 miliardi di metri cubi. Come hanno riferito fonti del giornale, se la Gazprom insiste sulla riduzione delle tariffe o si rifiuta di garantire 110 miliardi di metri cubi, Naftogaz richiederà all'arbitrato l'indennizzo per il deprezzamento a causa di un incompleto recupero dell'investimento. La tariffa a un dollaro di transito fino a 13 miliardi di metri cubi sarà di 11 miliardi di dollari, l'attuale tasso di transito per 65 miliardi di metri cubi è sei miliardi di dollari.

Correlati:

Naftogas: la Russia deve risarcire l’Ucraina per le perdite in Crimea
Gazprom svela i negoziati con Turchia per seconda linea del Turkish Stream
Gazprom accetta di tagliare i prezzi del gas per l'Europa dell'Est
Tags:
tariffe doganali, Gazprom, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik