17:28 24 Settembre 2018
The Utyos stationary coastal missile system launches a cruise missile during a Black Sea Fleet tactical drill in Crimea

Media tedeschi: Crimea trasformata in "fortezza inespugnabile" (VIDEO)

© Sputnik . Vasiliy Batanov
Mondo
URL abbreviato
5675

Dopo la riunificazione della Crimea alla Russia, Mosca non cessa di fortificare e rafforzare il potenziale militare della penisola, scrive la rivista tedesca Focus.

L'edizione rileva che recentemente la modernissima corvetta missilistica Vyshniy Volochek equipaggiata con il sistema missilistico Kalibr è arrivata in Crimea. Quest'arma, ricorda Focus, "ha dimostrato la sua efficacia in Siria e ha allarmato gli analisti militari occidentali".

Inoltre, nella penisola vi sono due divisioni del sistema di difesa aerea S-400, artiglieria costiera, e la flotta del Mar Nero ha ricevuto diverse nuove fregate e sottomarini.

"La Crimea sta diventando sempre più una fortezza quasi inespugnabile", riassume la rivista.

In precedenza, il senatore Viktor Bondarev ha affermato che lo spiegamento dei complessi S-400 e Pantsir-S in Crimea è stato dovuto dall'aumento delle attività della NATO nella regione del Mar Nero. Ha notato che questi sistemi rendono la regione assolutamente invulnerabile a qualsiasi invasione nemica.

La Crimea è tornata ad essere russa nel 2014 dopo un referendum in cui oltre il 96 per cento degli elettori ha preferito entrare a far parte della Russia. L'Ucraina considera ancora la penisola suo territorio temporaneamente occupato. Il Cremlino ha ripetutamente sottolineato che la Crimea ha fatto la propria scelta in modo democratico, in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite.

Correlati:

Oltre 100 mila veicoli hanno attraversato il ponte in Crimea questa settimana
Ex ministro ucraino: nella Crimea russa si vive meglio
Ponte della Crimea difeso da droni sottomarini
Naftogas: la Russia deve risarcire l’Ucraina per le perdite in Crimea
Tags:
Armamenti, corvetta, Kalibr, Armi, NATO, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik