19:41 25 Giugno 2018
Base militare di Araxos, Grecia

Esperto commenta possibile trasferimento di armi nucleari USA in Grecia

© AP Photo / Geert Vanden Wijngaert
Mondo
URL abbreviato
6211

L’ex ufficiale dell’Aeronautica militare turca Erdogan Karakush, in un'intervista a Sputnik, ha commentato i sospetti che gli Stati Uniti possano utilizzare le strutture militari in Grecia per lo stoccaggio di armi nucleari.

"Sullo sfondo degli eventi nel Mediterraneo orientale e la tensione nelle relazioni turco-greche, Atene offre tutto il supporto alla NATO per ottenere l'aiuto degli Stati Uniti… contro la Turchia, sia a Cipro che nelle isole dell'Egeo. Gli Stati Uniti, a loro volta, stanno cercando di trarre il massimo beneficio da questa situazione", ha detto l'esperto.

Gli eventi nel Mediterraneo orientale a cui fa riferimento Karakush riguardano lo scontro di interessi tra Stati Uniti e Russia. In questo confronto, secondo l'esperto, gli Stati Uniti non possono fare affidamento sulla Turchia.

"Inoltre, l'Albania sta attualmente compiendo sforzi per aderire all'UE e alla NATO. Gli Stati Uniti stanno cercando di ottenere il controllo su parte del suo spazio marittimo e aereo… Così, la Grecia, da un lato, sta cercando di ottenere il sostegno degli Stati Uniti, e dall'altro costringe Washington a prendere misure per soddisfare i propri interessi nella regione", spiega Karakush.

Lo scorso 17 maggio il capo della Direzione per la politica nucleare della NATO, Fred Frederickson, ha visitato la base aerea della NATO di Araxos, nel Peloponneso, dove, secondo il sito militaire.gr, gli Stati Uniti intendono stoccare le armi nucleari attualmente presenti nella base turca di Incirlik.    

Correlati:

Grecia, Tsipras ribadisce richiesta di cambiare la costituzione della Macedonia
Politico ceco: Grecia e Spagna non hanno diritto a maggiori sovvenzioni UE
Grecia: manifestanti contro attacchi in Siria tenta di abbattere statua di Truman
Tags:
esperto, trasferimento, commento, armi nucleari, NATO, Grecia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik