07:51 22 Maggio 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 10°C
    Aula del Consiglio della Federazione

    Consiglio Federazione: possibile legge russa su contro-sanzioni danneggerà USA

    © Sputnik . Vitaliy Belousov
    Mondo
    URL abbreviato
    1200

    La realizzazione di una legge sulle contro-sanzioni avrà conseguenze negative per degli interi settori dell’economia USA ha annunciato la presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko.

    "Gli eventi mostrano come di regola le misure speculari sono azioni molto efficaci. Entra in funzione l'effetto boomerang. La legge delle contro-sanzioni in relazione agli USA che presto verrà discussa dalla Duma di Stato, le decisione che verranno prese sulla base di essa, daranno tale effetto. Le compagnie americane subiranno conseguenze negative in una serie di settori dell'economia statunitense" ha detto Matvienko in un'intervista a Sputnik.

    Martedì, la Duma di stato alla riunione plenaria ha adottato in prima lettura una proposta di legge sulle misure di ritorsione contro le azioni degli Stati Uniti e di altri paesi. La seconda lettura è prevista per il 17 maggio. Queste proposte di legge, presentate da un gruppo di deputati guidato dal Presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin, danno diritto al governo su decisione del Presidente di introdurre contro-sanzioni in risposta alle azioni ostili degli Stati Uniti e di altri paesi contro la Russia e di introdurre la responsabilità penale per l'uso di sanzioni occidentali sul territorio della Federazione Russa. Entrambi i documenti sono stati adottati dalla Duma di Stato in prima lettura lunedì.

     

    Correlati:

    Boom delle ostriche del Mar Nero grazie alle controsanzioni russe
    Le Figaro: presidente Repubblica Ceca invita a ritirare sanzioni e controsanzioni
    Putin estende le controsanzioni fino alla fine del 2017
    Tags:
    sanzioni antirusse, Sanzioni contro la Russia, Sanzioni alla Russia, sanzioni, Consiglio della Federazione della Russia, Valentina Matvienko, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik