16:12 20 Novembre 2018
Fossa delle Marianne: per la prima volta trovato un sacchetto di plastica

Fossa delle Marianne: per la prima volta trovato un sacchetto di plastica

© Foto: JAMSTEC
Mondo
URL abbreviato
7123

Sul fondo della fossa delle Marianne, a una profondità di oltre 10 km, è stato trovato un sacchetto di plastica.

Il ritrovamento è stato fatto nell'ambito del progetto giapponese dell'agenzia delle scienze e tecnologie per lo studio della terra e del mare JAMSTEC, i dettagli sono stati illustrati in un articolo sulla rivista Marine Policy.

Secondo i ricercatori, il ritrovamento illustra chiaramente la portata di inquinamento del mare. In soli 30 anni di lavoro nell'ambito del progetto, i ricercatori hanno scoperto più di 3.000 pezzi di spazzatura nelle zone più profonde dell'oceano. In questo periodo più di 5000 volte sul fondo dei mari e degli oceani sono andati subacquei o sono stati inviati mezzi in acque profonde. Più di un terzo del numero totale dei ritrovamenti è di micro-plastica, piccole particelle di plastica, di confezioni monouso. Più della metà dei frammenti di detriti, si trova a una profondità di oltre 6000 km.

La prevalenza dei rifiuti è di metallo, ovvero più di un quarto del numero totale dei ritrovamenti. Nel 17% dei casi nelle vicinanze sono stati avvistati animali in acque profonde. Gli scienziati temono che l'inquinamento possa causare danni irreparabili agli. ecosistemi.

Correlati:

La quantità di particelle di plastica nei ghiacci dell'Artico è aumentata mille volte
Nel Polo Nord trovati accumuli di plastica
Chirurgia plastica, allarme sindrome “Barbie e Ken”
Tags:
Inquinamento, plastica, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik