13:28 26 Maggio 2018
Roma+ 26°C
Mosca+ 18°C
    Sebastopoli, Crimea

    Crimea, ritrovato sottomarino russo affondato nel 1909

    © Sputnik . Aleksey Malgavko
    Mondo
    URL abbreviato
    0 160

    Una spedizione marittima ha oggi individuato sul fondale al largo della costa di Sebastopoli la poppa del sottomarino russo "Kambala" affondato nel 1909. Lo ha raccontato a Sputnik Viktor Lebedinsky, ricercatore presso l'Istituto di Studi Orientali.

    "La spedizione congiunta della Società Geografica Russa, dell'università statale di Sebastopoli e della Scuola Navale Superiore Nakhimov ha localizzato il luogo in cui giace il sottomarino russo Kambala. Il punto è stato calcolato dai cadetti del collegio navale Nakhimov. Mentre noi con l'aiuto del sonar oggi siamo riusciti a trovarlo dopo tanti anni. Il relitto giace ad una profondità di 62 metri… prevediamo di utilizzare un robot sottomarino per studiare il relitto", ha detto Lebedinsky.

    Secondo lo scienziato, questo è stato il primo grande disastro nella storia della flotta sottomarina russa. Il Kambala era uno dei tre grandi sottomarini costruiti per la Russia in Germania.

    Il sottomarino affondò il 29 maggio 1909 a seguito di un tragico incidente durante le esercitazioni della flotta del Mar Nero. Il Kambala durante l'ingresso nella baia di Sebastopoli si scontrò con la nave da guerra russa Rostislav. Il sottomarino si spezzo in due tronconi e affondò. Nel disastro perirono 3 ufficiali e 17 marinai. 

    Nell'estate del 1909 la prua del Kambala, dove si trovavano i corpi di 15 marinai, fu riportata in superficie. Le salme di 12 marinai furono sepolte nel cimitero militare di Sebastopoli.    

    Correlati:

    Carro armato USA recuperato da relitto sarà restaurato per il Giorno della Vittoria
    Ammiraglio russo ha stimato la probabilità di trovare il relitto del sottomarino San Juan
    USA, sulle coste dell’Oregon affiora relitto di nave carica di prelibatezze
    Tags:
    spedizione, relitto, ricerca, Sottomarino, Sebastopoli
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik