02:06 21 Agosto 2018
Hacker

Washington Post: la Russia è il nemico immaginario delle esercitazioni NATO in Estonia

© Fotolia / Tomasz Zajda
Mondo
URL abbreviato
109

In Estonia si sono svolte le esercitazioni internazionali Locked Shields, durante le quali i soldati della NATO hanno elaborato una risposta agli attacchi cibernetici dal paese immaginario di Crimsonia, che ricorda da vicino la Russia, scrive il Washington Post.

Secondo il programma delle esercitazioni, a seguito delle azioni degli hacker di "Crimsonia", un altro Paese fittizio "Berylia" è rimasto senza comunicazioni e rifornimenti idrici. Inoltre le autorità sono sotto pressione per le azioni di manifestanti impegnati in "attività sovversive". Inoltre gli hacker riescono a prendere il controllo dei droni che, secondo lo scenario, colpiscono le basi della NATO provocando perdite tra i soldati.

La pubblicazione osserva che "Crimsonia" è facilmente identificabile con la Russia, dato che nel 2007, secondo diversi esperti informatici, Mosca ha condotto attacchi di hacker contro il Parlamento estone, media locali, banche e provider di internet.

Il Washington Post collega queste azioni con la decisione delle autorità estoni di trasferire il "soldato di bronzo" insieme ai resti dei soldati sovietici sepolti dal centro di Tallinn.

I membri della NATO, si afferma nell'articolo, allora non avevano preso alcun provvedimento contro la Russia.

Locked Shields, una delle più grandi esercitazioni militari cibernetiche nel mondo, si svolgono dal 2010. Quest'anno hanno partecipato quasi mille persone provenienti da 30 Paesi.

Correlati:

In Estonia al via le più grandi esercitazioni militari della storia nazionale
Per presidente dell'Estonia "la Russia è un vicino difficile"
I caccia NATO continueranno ad esercitarsi volando sopra l'Estonia
Tags:
hacker, Difesa, Sicurezza, Russofobia, cyber-security, Esercitazioni NATO, NATO, Washington Post, Estonia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik