05:02 18 Agosto 2018
Tesla Model S

Né macchine, né soldi: la Tesla rischia la bancarotta

CC BY-SA 2.0 / Joseph Thornton / Tesla Model S Fog Lights
Mondo
URL abbreviato
7164

Gli analisti prevedono la bancarotta della Tesla già allafine dell’anno, ma pare che il produttore di auto elettriche USA corre il rischio di fallire anche prima.

Secondo i risultati del primo trimestre, la società di Elon Musk ha registrato una perdita record di $ 710 milioni. Dopo la pubblicazione del rapporto, le azioni di Tesla sono diminuite del 7%, la capitalizzazione è diminuita di quasi 3,5 miliardi di dollari. La produzione della Tesla Model 3, che avrebbe dovuto finalmente portare l'azienda in vantaggio è fallita. Cosa è successo all'impero automobilistico super tecnologico e perché sempre meno persone vogliono sostenerlo. Sputnik News.

Le attuali perdite sono le più grandi nella storia di Tesla, che, per inciso, non ha mai realizzato un profitto. Le automobili sportive sportive super-costose, la Tesla Roadster, la Tesla Model S, la Tesla Model X sono un prodotto di nicchia, lontano dalla redditività. Tuttavia, gli azionisti hanno creduto nell'ambiziosa start-up californiana e ci hanno investito miliardi di dollari.

Musk ha assicurato gli azionisti chiedendogli di aspettare un pò. Avrebbe creato un'auto che avrebbe conquistato il mercato di massa e avrebbe permesso alla società di guadagnare. Questa doveva essere la Tesla Model 3 dal valore di 35 mila dollari. È stata messa in produzione a luglio 2017.

La Tesla Model 3, la più economica di tutte le "auto del futuro", era la novità più attesa nella storia dell'industria automobilistica. Sei mesi prima del lancio nella catena di montaggio, il modello ha raccolto quasi mezzo milione di preordini: chi desiderava acquistarla faceva depositi rimborsabili di mille dollari, la coda si è allungata per un anno e mezzo.

In un'ondata di eccitazione, Tesla ha superato il valore di mercato di vecchi e affermati attori del mercato automobilistico globale: le società americane Ford e General Motors. Il capo di Tesla aveva promesso che entro la fine del 2017 avrebbe prodotto 20.000 Model 3.

Ma qualcosa è andato storto. Gli investitori guardando gli indicatori di produzione sono andati nel panico: nel 2017 al compagnia ha perso 2,2 miliardi di dollari, e dalla catena di montaggio sono uscite solo 360 macchine.

Musk ha spiegato che sono emerse delle difficoltà inaspettate con l'assemblaggio dei moduli delle batterie, ma ha promesso di risolvere tutto in poco tempo e di portare già nel primo trimestre del 2018 la produzione della Model 3 fino a 3000-5000 unità a settimana. Già allora gli esperti hanno sottolineato che questo sarebbe stato impossibile.

Il fondatore di Tesla ha lamentato l'eccessiva automazione della catena di montaggio della Model 3 a Fremont. Per migliorare i processi produttivi, in aprile l'azienda ha bloccato la catena di montaggio, la seconda volta dall'inizio dell'anno.

"Semplicemente è richiesto per migliorare i sistemi di automazione ed eliminare i colli di bottiglia al fine di aumentare i volumi di produzione" ha osservato Tesla.

Secondo Mask, l'eccessiva automazione nello stabilimento di Tesla ha portato ad un "inferno di produzione": un rallentamento critico nell'assemblaggio di un'automobile destinato al mercato di massa.

"Avevamo questa folle e complessa rete di nastri trasportatori… E non ha funzionato" ha ammesso il fondatore di Tesla in un'intervista alla CBS.

Gli osservatori ritengono che la società si sia affrettata a lanciare la linea di produzione, cercando di entrare nel mercato il più rapidamente possibile. Da qui il problema. E questo non è sorprendente. A differenza delle case automobilistiche tradizionali come Toyota e General Motors, che hanno decenni di esperienza alle spalle, Tesla non è stata in grado di portare le sue auto sul mercato con la stessa efficacia.

Nel 2017, Tesla ha speso per ogni minuto circa ottomila dollari, cioè quasi mezzo milione di dollari all'ora. Con questo livello di spesa, la società finirà i fondi entro le 2:00 del 6 agosto 2018, hanno stimato gli analisti di Bloomberg lo scorso autunno. Ora il giorno X sembra essere ancora più vicino.

Musk non intende arrendersi. Egli sottolinea che la società ha fatto progressi significativi: nel mese di aprile ogni settimana escono dalla catena di montaggio dalle duemila alle tremila vetture Model 3. E se si aumenta questa cifra a cinquemila, il profitto arriverà nel terzo o quarto trimestre.

Tuttavia, poche persone credono alle sue promesse. La compagnia continua a bruciare denaro a velocità spaziale, nel trimestre passato, Tesla ha bruciato 745 milioni di dollari.

Il 1 aprile, Musk ha scherzato su Twitter sulla bancarotta di Tesla, osservando che la società non è stata aiutata nemmeno dalla massiccia vendita di uova di Pasqua. Tuttavia, lo scherzo rischia di essere profetico.

L'attuale dimensione delle perdite e il tasso di spesa mette in dubbio il fatto che la società sarà in grado di pagare i propri conti senza ricorrere a nuovi prestiti o ad un prossimo round della vendita di azioni, dicono gli analisti.

È sempre più difficile attrarre i fondi degli investitori: nessuno crede nelle prospettive dell'azienda. "Se le persone sono preoccupati per la volatilità, certamente non c'è bisogno di comprare le nostre azioni", — ha detto il fondatore di Tesla infastidito nel corso di una conferenza con gli analisti dopo la pubblicazione della relazione trimestrale.

Alla fine di aprile, le due principali agenzie di rating, Moody e S&P hanno assegnato ai titoli di Tesla investimenti o rating "spazzatura", descrivendoli come altamente speculativi. Moody's ha osservato che la compagnia richiede almeno quattro miliardi di dollari  per continuare le operazioni correnti, la spesa del capitale e il pagamento del debito".

Correlati:

La Tesla Roadster potrebbe infettare Marte con batteri terrestri
Sul web arriva il sito che traccia la macchina "Tesla Roadster" nello spazio
Astronomi scettici sul programma di Elon Musk: “Tesla non raggiungerà gli asteroidi”
Tesla venderà l'auto elettrica più conveniente in Russia
Tesla contro Boeing, chi vince?
Tags:
Economia, Tesla, perdite, Sputnik, Elon Musk, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik