03:53 16 Novembre 2018
Mezzi militari americani in Siria

Siria, cinquanta militari francesi in servizio al confine di Manbij

© AP Photo / APTV
Mondo
URL abbreviato
8033

Sullo sfondo delle informazioni trapelate dalle Forze Democratiche Siriane sul rafforzamento della presenza militare francese nei pressi di Manbij, a disposizione di Sputnik sono finite le immagini che immortalano due veicoli blindati in servizio presso Sajur, alla periferia di Manbij.

Su un mezzo si può vedere la bandiera americana, nell'altra la bandiera francese.

Mezzi militari francesi e americani in Siria (Manbij)
© Sputnik . HİKMET DURGUN
Mezzi militari francesi e americani in Siria (Manbij)

Un alto rappresentante del consiglio militare di Manbij, controllato dalle Forze Democratiche Siriane, ha detto a Sputnik che vengono inseriti nella regione circa 50 soldati francesi, impegnati nella creazione di una base militare francese.

"I soldati francesi sono arrivati a Manbij di recente. Ora sono impegnati a costruire una base militare nel nord di Manbij. Stanno aumentando la loro presenza nella regione per evitare la possibilità di un intervento da parte delle forze armate turche e delle unità dell'Esercito Libero Siriano. I militari francesi pattugliano costantemente la zona del fiume a Sajur. Mentre sono in servizio, usano veicoli blindati, sui quali è visibile la bandiera francese. Proprio al confine di Manbij si trovano circa 50 soldati francesi", ha detto.

In precedenza aveva confermato a Sputnik l'arrivo dei soldati francesi a Manbij il comandante del Consiglio militare della città Muhammed Ebu Adil.

Secondo le informazioni, a Kobani, Tabka, Raqqa e Deir al-Zor, nel nord della Siria nelle zone controllate dalle Forze Democratiche Siriane, si trovano 250 militari francesi.

Correlati:

Siria, Macron: Aumenteremo impegno militare nella coalizione
Macron: USA e alleati devono restare in Siria anche dopo sconfitta ISIS
Tags:
Opposizione siriana, crisi in Siria, FOrze democratiche siriane, Siria, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik