15:33 22 Maggio 2018
Roma+ 23°C
Mosca+ 21°C
    Nave della Marina britannica (foto d'archivio)

    Nella più moderna nave di pattugliamento britannica emersi 100 difetti

    © AP Photo / Laura Leon
    Mondo
    URL abbreviato
    0 100

    I tecnici hanno scoperto circa 100 malfunzionamenti, anche nel sistema di alimentazione, sulla nuovissima nave di pattugliamento della Marina militare britannica “Forth” dal valore di 473,6 milioni di dollari, hanno riportato i media britannici.

    Secondo il Daily Express, riferendosi a fonti del ministero della Difesa, un problema in una dei cinque motovedette prodotte dalla BAE Systems è stato trovato al momento della revisione interna pochi giorni dopo la messa in funzione.

    "Sosteniamo attivamente la Marina britannica nel risolvere i problemi che interessano pochi bulloni di fissaggio ed il sistema elettrico della "Forth". I problemi non sono correlati, ora per ognuno di loro vengono condotte analisi per determinarne le cause e gli effetti", — i media russi riportano la dichiarazione del rappresentante ufficiale della BAE Systems.

    Al momento la nave si trova sulla banchina del porto di Portsmouth, dove i tecnici stanno cercando di risolvere il problema. Secondo le previsioni, ci vorranno 2 settimane.

    Il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa britannico ha chiamato "normale il lavoro con i partner industriali per eliminare alcuni malfunzionamenti sulle navi dopo la consegna alla Marina".

    Ricordiamo che il 30 gennaio l'ultima portaerei britannica "Queen Elizabeth" è stata sommersa d'acqua rilasciata dal sistema antincendio, pertanto l'imbarcazione è stata messa in acqua con ritardo rispetto ai tempi previsti.

    Correlati:

    I sottomarini russi spaventano la Marina militare britannica
    Media: la marina britannica non è in grado di scortare le navi russe
    Missile ipersonico russo Tsirkon renderà flotta britannica "inutile ammasso di ferraglia"
    Tags:
    Difesa, Sicurezza, Incidente, Marina Militare, Gran Bretagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik