15:43 22 Maggio 2018
Roma+ 23°C
Mosca+ 21°C
    Mar d'Azov

    L'FSB si occuperà della lotta al bracconaggio ucraino nel Mar d'Azov

    © Sputnik . Sergey Malgavko
    Mondo
    URL abbreviato
    3290

    Il Servizio di sicurezza federale russo in Crimea ha annunciato l’intenzione di porre fine alle attività di bracconaggio dei pescatori nel Mar d'Azov.

    "La direzione doganale ha avvertito che adotterà tutte le misure necessarie per prevenire il bracconaggio, imponendo il rispetto delle leggi sulla pesca russe ed internazionali nella propria zona di responsabilità", riporta un comunicato.

    Particolare attenzione sarà dedicata al rispetto della legislazione sulla pesca nel Mare di Azov, che separa Russia e Ucraina.

    Dall'inizio del 2018, gli ambientalisti hanno registrato più di 70 delfini morti a causa delle reti dei bracconieri.

    In precedenza è stato riferito che il governo dell'Ucraina presenterà al Consiglio nazionale di sicurezza e difesa una proposta per la completa cessazione del transito e del trasporto in tutto il paese per le navi battenti bandiera russa.

    Correlati:

    Il figlio del Che in tour per la Crimea in moto
    Kiev dichiara latitanti quasi 6mila militari rimasti in Crimea
    L'astronauta russo ha mostrato la foto del ponte in Crimea scattata a bordo dell'ISS
    Tags:
    bracconaggio, pesca, Legislazione, pescatori, FSB, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik