18:04 16 Agosto 2018
Aman looks over the expanse of ruins left the explosion of the atomic bomb on August 6, 1945 in Hiroshima, Japan

Fisici svelano quante radiazioni hanno assorbito gli abitanti di Hiroshima

© AP Photo /
Mondo
URL abbreviato
640

Le ossa delle vittime del bombardamento nucleare su Hiroshima hanno aiutato i fisici a misurare la dose di radiazioni assorbite dall'organismo che hanno causato la loro morte. Ha raggiunto i 9,5 gray. Li riporta PloS One.

"La metà di questa dose sarebbe sufficiente per uccidere un essere umano. La nostra speranza è che il nostro metodo aiuterà la polizia a trovare le bombe sporche pianificate dai terroristi, e di identificare quelle vittime, che hanno più bisogno di aiuti d'urgenza" ha detto Oswaldo Baffa dall'università di San Paolo in Brasile.

La probabilità di sopravvivenza umana dopo l'assorbimento di piccole e medie dosi di radiazioni dipende dalla sopravvivenza delle cellule staminali responsabili della produzione di nuovi globuli rossi e globuli bianchi e dell'epitelio intestinale. Inoltre, la rigenerazione delle ossa, della pelle e di altri componenti del corpo dipende da loro, che gradualmente si consumano nel corso della nostra vita.

L'esatto dosaggio "minimo" di radiazioni, garantito per uccidere una persona, come spiegano gli scienziati, è difficile da nominare, poiché le cellule staminali sono distribuite in modo non uniforme in tutto il corpo. Alcune di esse sono abbastanza vicine al confine tra il corpo e il mondo esterno, e quindi muoiono facilmente, mentre altre vivono nelle ossa.

Pertanto, le stime variano notevolmente. Secondo gli esperti, da 4 a 9 gray sono abbastanza per una morte "lenta" mentre 10-20 gray per una morte quasi istantanea. La situazione è complicata dal fatto che nella storia dell'umanità ci sono solo due esempi di tali morti, ovvero i bombardamenti delle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, le cui conseguenze sono abbastanza difficili da studiare a causa della mancanza di dati precisi e un livello di sviluppo di questa scienza pari quasi a zero nel 1945 quando ci fu l'attacco.

Baffa e i suoi colleghi sono riusciti a risolvere questo problema studiando i risultati dei colleghi della loro università raccolti 50 anni fa. Dei fisici che lavoravano con fonti di raggi gamma e raggi X scoprirono che l'irradiazione delle ossa con forme simili di radiazioni le magnetizzava, cambiando la struttura dei cristalli di apatite nel loro spessore.

Inizialmente non fu data grande importanza a questa scoperta. Successivamente però con lo sviluppo dei computer moderni, gli scienziati di San Paolo hanno riconosciuto che con questo metodo si possono misurare la potenza delle dosi delle radiazioni assorbite dalle vittime di attacchi nucleari.

A tal fine, come spiegano gli esperti brasiliani, è necessario "bombardare" i campioni di ossa con raggi ionizzanti e misurare come le loro proprietà magnetiche cambiano dopo aver ricevuto una nuova porzione di radiazione. Allo stesso tempo, viene utilizzato uno strumento speciale, uno spettrometro EPR in grado di rilevare anche i più piccoli cambiamenti nella struttura dei cristalli di apatite e nel comportamento degli elettroni al loro interno.

Come hanno dimostrato le prime misurazioni, le ossa dei defunti di Hiroshima sono state esposte alla dose più potente di radiazioni, circa 9,5 grani, che era più che sufficiente per ucciderli a causa della completa distruzione del midollo osseo. In generale, questi valori coincidono con i dati sulla quantità di radiazione che hanno assorbito le pareti di mattoni degli edifici di Hiroshima.

Il successo della verifica di questa tecnica, come sperano Baffa ei suoi colleghi, aprirà la strada a ad un'accurata valutazione degli effetti dell'irradiazione e nello studio di altri possibili disastri nucleari.

Correlati:

Usa, sondaggio: per 43% statunitensi giusto bombardare Hiroshima e Nagasaki
Le radiazioni di Chernobyl possono essere inaspettatamente utili dopotutto...
Cibo e radiazioni: metodo per una conservazione più lunga?
Gli scienziati ancora non sanno dire se le radiazioni dei cellulari fanno male
Tags:
Bombardamento, radiazioni, bomba atomica, Bombardamenti, Hiroshima, Brasile
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik